Revenge porn ai danni di una 20enne: le foto dei rapporti sessuali con l'ex inviate al nuovo fidanzato

Revenge porn
PORDENONE/TRIESTE - Aveva fotografato la fidanzata di nascosto durante i rapporti sessuali e una volta chiusa la relazione ha diffuso le immagini facendole arrivare...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilgazzettino.it

1 Anno a 9,99€ 69,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

PORDENONE/TRIESTE - Aveva fotografato la fidanzata di nascosto durante i rapporti sessuali e una volta chiusa la relazione ha diffuso le immagini facendole arrivare all'attuale partner.  Revenge porn ai danni di una giovane di 20 anni: la Polizia postale di Trieste e Pordenone  e i Carabinieri di Azzano Decimo (Pordenone) hanno individuato e denunciato l’autore.

A fare denuncia è stata la stessa ragazza  che si è presentata presso quella stazione dei carabinieri perché il suo fidanzato aveva ricevuto delle immagini riferite ad alcuni mesi fa - prima dell’inizio dell’attuale relazione - dove era ritratta mentre consumava dei rapporti sessuali. Per le mmagini, peraltro scattate senza il consenso della giovane, era stato utilizzato un account Instagram, sconosciuto sia alla vittima che al suo ragazzo, creato al solo scopo di diffondere.

Il pubblico ministero Carmelo Barbaro della Procura della Repubblica di Pordenone ha disposto l’esecuzione di una perquisizione personale, locale e informatica a carico del presunto autore del reato. Nel suo cellulare sono state trovate le foto incriminante e l’account Instagram utilizzato per l’invio.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
La sfida folle degli studenti ai treni sui binari: attendono l'arrivo fino all'ultimo istante
Morto a 26 anni in un incidente e la bugia sulla laurea, il papà: «Provo vergogna per non aver capito che si sentiva in trappola»
Aeroporto, 1.244 passeggeri fantasma su voli aerotaxi. Così non pagavano la tassa, danno all'erario di 133mila euro
La procura di Rovigo: «La cantante Greta Spreafico è stata sequestrata»
Davide Rebellin ucciso da un tir pirata mentre si allena in bici. Camionista in fuga