Scandalo migranti e il dopo Bitonci: l'ex prefetta Impresa, le mosse Degani

PADOVA - Non era estranea dall’agone politico la prefettaPatrizia Impresa. Anzi, si interessava attivamentedi che cosa sarebbe successo a Padova nelle ore immediatamentesuccessive alla caduta del suo “nemico”, il sindacoMassimo Bitonci. Lo si deduce da una parte delleintercettazioni che i carabinieri hanno condottoper conto della Procura che indagava Simone Borilesulla gestione dei profughi. Borile è la mente dellacooperativa che ha in gestione il centro di Bagnoli e centinaia diposti in accoglienza diffusa. È indagato con altri seinell’inchiesta appena chiusa dal pubblico ministeroFederica Baccaglini e nella quale l’exprefetta non risulta indagata. Gli altri sono chiamati a risponderea vario titolo di frode nelle forniture pubbliche, truffa erivelazione di segreti d’ufficio. Negli atti del fascicologiudiziario ci sono anche le intercettazioni.
 

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain