Due giorni di viaggio per un'ora e mezza di volo... e il mistero dei bagagli lasciati a terra

TREVISO - Il viaggio doveva durare un'ora e mezza. Invece sonoserviti addirittura due giorni. Martina, 22enne diCastelfranco, ha vissuto una vera e propriaodissea. Dopo un mese e mezzo trascorso in Spagnaper dei tirocini previsti dall'Istituto universitario salesianodi Venezia (Iusve), doveva prendere il volo per tornare a casa. Ildecollo dell'aereo della Volotea era previstoalle 19.30 dall'aeroporto di Oviedo. Qui ha preso forma ilprimo, clamoroso inghippo: attraverso una hostess la compagnia hainfatti comunicato ai passeggeri che l'aereo presentava deiproblemi di natura tecnica. E poco dopo haautorizzato l'imbarco solamente di 73 persone.

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain