Attacco cardiaco mentre dorme, parrucchiera muore a 21 anni

SCORZE’ - Il dramma si è consumato in pochi attimi, sotto lo sguardo sgomento del padre, ieri mattina, verso le 4, in via Milano, a Scorzè. Vanessa Favaro, 21 anni compiuti lo scorso 26 luglio, è stata stroncata nel suo letto da un arresto cardiaco. Il padre Giancarlo, come hanno raccontato la zia e il fratello Davide, aveva sentito dei rantoli che provenivano dalla camera della ragazza. Sapeva che la figlia soffriva d’asma e si è alzato per prestarle aiuto. «Ha cercato di soccorrerla - racconta la zia Adriana - L’ha scossa ma Vanessa non si destava.
 In preda al panico, ha chiesto aiuto ai due fratelli che abitano vicino, l’uno accanto all’altro, tre case con un unico giardino. Lo zio Silvano ha immediatamente telefonato al Pronto soccorso che gli ha dato indicazioni su come agire per rianimare la nipote. Dieci, quindici lunghi minuti di respirazione artificiale e massaggio cardiaco finché non è arrivata l’ambulanza. Ma Vanessa forse era già spirata». I medici hanno poi continuato per quasi un’ora, con tutti i mezzi, ma Vanessa non ha più ripreso a vivere. Nel frattempo il padre di 66 anni e la madre di 52 si sono sentiti male. «Si temeva soprattutto per Giancarlo perché neanche un mese fa ha avuto un trapianto di fegato» - sottolinea il fratello Silvano. Sul luogo sono intervenuti anche i carabinieri per constatare la morte della ragazza e avere l’autorizzazione di portare il corpo all’obitorio. Ieri pomeriggio le tre famiglie erano riunite in giardino e non credevano a tutto quello che era successo poche ore prima. Già in mattinata si era sparsa la voce della morte di Vanessa e conoscenti e amiche avevano cominciato a far visita alla famiglia per le condoglianze.
«Una ragazza dolcissima – racconta ancora lo zio Silvano - Negli ultimi anni s’è presa cura del padre; era lei che lo assisteva dopo l’intervento». Vanessa Favaro aveva frequentato un istituto tecnico e poi si era specializzata nella professione di parrucchiera. Aveva smesso di lavorare proprio per accudire il padre mentre era in attesa del trapianto e dopo l’intervento. Domenica l’aveva trascorsa in allegria, come racconta la zia, con le amiche e con i familiari. Era felice perché i medici avevano constatato che il decorso del trapianto del padre era buono. La famiglia Favaro è molto conosciuta a Scorzè perché Giancarlo è un noto collezionista di francobolli, di cartoline d’epoca e di foto del paese. «Quando è stato inaugurato il municipio dopo il restauro – dice la vicesindaco Nais Marcon - l’amministrazione si è indirizzata alle sue raccolte per ricordare il vecchio edificio di tardo ottocento». Del resto non c’è pubblicazione storica di Scorzè dove non ci siano le fotografie radunate da Giancarlo Favaro. 
Vanessa lascia anche due fratelli gemelli, Angela e Davide di 18 anni. I funerali probabilmente entro la fine della settimana.

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain