Daniele, Tiziana e le loro 115 mucche in malga sul massiccio del Grappa

La professione del malgaro raccontata dai coniugi Gallina che gestiscono malga Piz, a quota 1450 metri, sul massiccio del Grappa «Sveglia alle 4.30, mungitura delle bestie, pascolo e poi rientro per fare il formaggio», ma questo è solo l'inizio di giornate faticose e di un lavoro che non consente ferie. I sacrifici e la soddisfazione di fare prodotti non omologati, poi offerti nel loro agriturismo.Le conosce tutte per nome: Eike, Dixi, Bionda, Jasmine, Katia I nomi esotici potrebbero trarre in inganno, e far pensare...

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain