Invade la corsia opposta e si schianta contro un platano, Filippo muore a 27 anni.La domenica con un'amica e poi la tragedia Foto

CONCORDIA SAGITTARIA - Forse un colpo di sonno lo ha tradito mentre stava tornando a casa e Filippo muore nello schianto contro un platano. Aveva 27 anni Filippo Signorin di Concordia Sagittaria e la scorsa notte  è uscito di strada a Viola, poco dopo dall'abitato di Lugugnana di Portogruaro. La richiesta di soccorso è arrivata alle 3.10 al 118 da un automobilista che si ha visto l'auto del concordiese incidentata.

Filippo stava percorrendo la "Jesolana" in direzione di Sindacale per rincasare. Giunto a Viola ha invaso la corsia opposta finendo contro un platano. All'arrivo dei sanitari e del vigili del fuoco purtroppo non c'era più niente da fare:Filippo è deceduto nel terribile impatto della sua Volkswagen Polo. Tutto è al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Portogruaro.


 

Ragazzo morto sulla Jesolana: cosa è successo

La domenica passata in compagnia e la serata con una amica poi il rientro a casa: Filippo è morto a poco più di 2 chilometri da casa. l giovane, poco dopo le 3 del 21 settembre 2020, stava percorrendo la strada metropolitana 42 Jesolana quando ha perso il controllo della sua Volkswagen Polo finendo per schiantarsi contro uno dei tanti platani che costeggiano l'arteria. L'utilitaria ha invaso la corsia opposta di marcia ed è sbattuta contro un albero: a terra nessun segno di frenata. Un botto impressionante. Il giovane concordiese è rimasto incastrato nella Polo e ha perso la vita. «Filippo ci aveva salutato nel pomeriggio - hanno raccontato i famigliari agli amici - aveva detto che avrebbe passato la domenica in compagnia».

Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
Coronavirus Veneto, altri 2537 casi e 11 vittime Ricoverati a quota 876, da domani scatterà il piano per i 10 Covid center
Neonato di 45 giorni positivo al Covid trasferito d'urgenza: era positivo il papà, ora anche la mamma
Medico in vacanza salvò una donna sul treno, il dottor Santucci: «L'Italia ci chiama eroi ma poi ci lascia nel precariato»
Raffineria di droga in casa con oltre 30 chili di eroina, 23enne albanese in manette
Scontri a Verona, si sono i primi 12 fermati fra estremisti, ultras e baby gang