La procura di Rovigo: «La cantante Greta Spreafico è stata sequestrata»

ROVIGO - La cantante Greta Spreafico è stata sequestrata: è questa l'ipotesi di reato della procura di Rovigo. La donna è scomparsa da Porto Tolle (...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilgazzettino.it

1 Anno a 9,99€ 69,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

ROVIGO - La cantante Greta Spreafico è stata sequestrata: è questa l'ipotesi di reato della procura di Rovigo. La donna è scomparsa da Porto Tolle ( Rovigo) dove era andata per vendere la casa ereditata dal nonno. A 'Chi l'ha visto?" documenti e testimonianze inedite. Sono passati sei mesi dalla notte del 4 giugno, da quando non si ha più alcuna notizia di Greta Spreafico, 53enne che viveva a Erba, in provincia di Como, ma con radici portotollesi e che proprio qui, nel lembo estremo del Polesine, nel cuore del delta del Po, era tornata in quei giorni per vendere un appartamento nella frazione di Ca’ Tiepolo, che il nonno materno le aveva lasciato in eredità.  Scomparsa che inizialmente poteva anche configurarsi come un allontanamento volontario, ma che con il passare dei mesi sta lasciando sempre più spazio alle ipotesi più tragiche. Anche perché Greta è sparita lasciando il telefono, ma a sparire insieme a lei è stata anche la sua auto, una Kia Picanto nera, targata EF080DT. L’ultima sua traccia un messaggio affettuoso, inviato verso le 3 di notte, al compagno Gabriele Lietti, che è stato poi il primo a segnalare la sua scomparsa. E che, come ricordato in tv, ha condiviso con lei «anche i momenti più bui come quando è stata male per un’intossicazione da metalli pesanti».

Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
I facoltosi della Treviso bene clienti della banda della "coca". Chi sono i professionisti dell'asse del Terraglio
Caro energia, a Nordest le bollette di gas e luce più care d'Italia: aumenti del 118 per cento.
Multato con l'autovelox: deve pagare il Comune, ricco risarcimento per l'automobilista.
Scontro violento tra due auto, volontario muore in serata a pochi metri da casa
Mestre, raid sulle auto in sosta: cinque casi, finestrini rotti e abitacoli rovistati