Fallisce la Granziero spa, addio a 50 anni di storia. Quaranta dipendenti da 3 mesi senza stipendio

Fallisce la Granziero spa, addio a 50 anni di storia
PADOVA - Fallimento per la Granziero spa di Albignasego e a quaranta dipendenti non sono ancora stati pagati gli stipendi di tre mesi. La provincia perde, dunque, un'altra...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilgazzettino.it

1 Anno a 9,99€ 69,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

PADOVA - Fallimento per la Granziero spa di Albignasego e a quaranta dipendenti non sono ancora stati pagati gli stipendi di tre mesi. La provincia perde, dunque, un'altra importante azienda con alle spalle quasi 50 anni di storia. Questa volta, però il caro energia, la crisi legata al Covid e la guerra in Ucraina sembrano centrare fino ad un certo punto. Dopo la mobilitazione della scorsa estate, con tanto di sciopero, arriva dunque la parola fine per l'azienda metalmeccanica di Albignasego che produceva apparecchiature a pressione destinate al settore petrolchimico. La Granziero era stata fondata nel 1974 da Otello Granziero che, ritirandosi dalla gestione dell'azienda, nel 2021 ha ceduto il 100% delle azioni alla Cividac, di San Biagio di Callalta, nel trevigiano, con la prospettiva di rilanciarne l'attività. La scorsa primavera, però, l'azienda trevigiana è invece entrata nell'orbita della holding, la BSS Service, che fa capo a sua volta alla BSS Italia, di Flavio Zanarella.


I SINDACATI
«E da lì sono cominciati i problemi ha spiegato ieri Andrea Padoan, della Fim Cisl Padova Rovigo - la nuova proprietà ha dimostrato di non credere in un'azienda che aveva ancora molte potenzialità. A un certo punto i clienti hanno cominciato a presentasi per ritirare il materiale che doveva servire per gli ordini e, soprattutto, gli stipendi hanno iniziato a saltare. A quel punto siamo intervenuti, abbiamo anche proclamato uno sciopero, qualche mensilità è stata recuperata, ma poi la scorsa estate si è arrivati alla chiusura e ora al fallimento. Un epilogo che, viste le premesse, era inevitabile». Martedì scorso, infatti, il Tribunale di Padova ha dichiarato la procedura di fallimento per l'azienda e ha nominato curatore il commercialista Carlo Pampaloni. «La cosa che fa più rabbia in tutta questa vicenda, è che da parte della nuova proprietà c'è stata una totale chiusura nei nostri confronti e, quindi, dei lavoratori ha detto ancora Padoan lavoratori che, a oggi, stanno attendendo ancora tre mensilità mai pagate».


I LAVORATORI

Fortunatamente, però, quasi tutti gli ormai ex dipendenti della Granziero spa hanno trovato una nuova occupazione. «Almeno da questo punto di vista è andata bene ha detto ancora l'esponente della Cisl grazie alla loro alta specializzazione e a un lavoro capillare che abbiamo messo in campo in questi mesi, siamo riusciti a ricollocare quasi tutti i dipendenti all'interno di aziende del territorio che cercavano manodopera. A oggi solamente 4 o 5 persone sono disoccupate e percepiscono la Naspi, ma anche per loro speriamo si possa trovare una ricollocazione». «Quello che è sicuro è che noi faremo di tutto perché questi lavoratori possano ottenere le 3 mensilità di cui hanno diritto ha concluso - Lo ripeto, in tutta questa vicenda la cosa che ci ha più colpiti è stata l'assoluta indisponibilità da parte della proprietà ad avere un confronto. Noi lo abbiamo cercato in tutti i modi, ma da parte loro c'è stato solo silenzio». Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
Caso di tubercolosi al liceo Duca degli Abruzzi: contagiata una prof
Greta, 22 anni, trova la mamma morta in casa e il papà assassino le va incontro: le urla choc della ragazza
Ladri in villa, forzano la cassaforte: rubano soldi, lingotti d'oro e una collezione di Rolex
Scialpinisti travolti da una valanga ai denti di Terrarossa: si apre l'airbag ed escono quasi incolumi
Pazienti senza medico di base, arriva la rivoluzione: nasce Asap, l'ambulatorio con gli specializzandi