Festa e cena aziendale al ristorante per i due anni del cane Cocò

Camposampiero - Le mode cambiano ed ora è il momento degli amici a 4 zampe. Venerdì sera al ristorante “al Mistero” della famiglia Barison a Camposampiero una dozzina di persone durante la cena aziendale ha festeggiato i primi due anni di vita dell’incantevole Cocò, incrocio tra un pastore australiano e un jack russell, una cagnolina molto carina e amata da tutti i dipendenti dello studio Martellato di Vigonovo. Per tutta la serata Cocò al guinzaglio della sua padrona ha sfilato nel locale con in testa il cappellino di buon compleanno e un gigantesco numero due per ricordare a tutti la ricorrenza. Non poteva mancare la torta: ad un certo punto è comparso anche il dolce, assaggiato ovviamente solo da Cocò, realizzato con pollo all’aloe e decori di bocconcini di mirtilli e pollo. Uno spettacolo divertente per tutti in sala, tra lo stupore degli avventori del Mistero e la gioia della padrona di Cocò, una bella trentatreenne italo-americana (mamma veronese e papà di Los Angeles) che abita a Noventa e lavora come stilista grafica in giro per l’Italia. Jahda Miller ha conosciuto la sua cagnolina due anni fa tramite amici. «Abitavo a Bassano quando dei conoscenti di Rosà mi avevano supplicato di adottare un cane di una cucciolata- ricorda con piacere la stilista - E’ stato amore a prima vista. Quando ho visto Cocò per la prima volta aveva appena una settimana e mi ha dato un bacio sul naso. Da allora non ci siamo più separate. Cocò vive tutto il giorno con me, anche al lavoro, allo studio Martellato. E’ educata e ubbidiente, conosce bene i tempi per giocare, correre, fare i bisogni e rimanere tranquilla. E’ rimasta piccolina e questo mi consente di portala con me anche in viaggio. Spesso - racconta Jahda Miller - giro per l’Italia per lavoro e lei mi è sempre affianco come recentemente in Puglia e a Milano. Sono orgogliosa di lei: presto Cocò sarà modella per la nuova linea di camicie di alta sartoria per cani al prossimo Pitti di gennaio in collaborazione con la camiceria Scado di Codiverno di Vigonza». Le mode, appunto, cambiano.
 

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain