Stermina la famiglia, Blerta confessa. Spunta il movente economico

PORDENONE - È stata la figlia maggiore, Blerta Pocesta, a uccidere a colpi di pistola il padre Amit di 55 anni, la madre Nazmie di 53 e la sorellina Anila di soli 14 a Debar, in Macedonia, paese d'origine della famiglia che risiedeva a Cornadella di Sacile. La 28enne, dopo essere stata interrogata dal procuratore e sottoposta all'esame del guanto di paraffina, è stata arrestata per triplice omicidio. Inchiodata da indizi e prove schiaccianti davanti alle quali la giovane non ha potuto far altro che confessare per poi...

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain