La sera in centro a Mestre: io ho paura

Caro Gazzettino,
sono una cittadina di Mestre che risiede in via Piave.  Ogni anno acquistavo un abbonamento ai concerti del Toniolo. Il rinnovo dovrei farlo in questi giorni, ma sono piena di dubbi. Non so se riuscirò a uscire di sera e tornare a casa affrontando ciò che avviene dopo le venti e durante tutta la notte fino alle quattro di mattina sotto casa mia.

Drogati che spesso si prostituiscono e litigano con gli spacciatori ubriachi riforniti dai minimarket, che aprono dalle diciotto alle due del mattino e che vendono quasi solo birre: il mio cortile è il loro gabinetto. Ieri sera, alle otto circa qualcuno, molto alterato, ha sfidato la polizia locale ed è dovuto intervenire l’esercito per calmarlo. Utilizzare l’auto per recarmi a teatro per una così piccola distanza non avrebbe senso, dato che non ho garage e la parcheggio nelle stradine dietro casa. 
Mi sono già rivolta inutilmente all'Urp e alla polizia.

M. D.
Mestre 

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain