Clienti contro il ristorante per lo scontrino: «Tre pizze a 60 euro». Il titolare risponde: «Maleducati, pagato 8 euro a testa»

L'ultima polemica da un episodio avvenuto a Genova

Clienti contro il ristorante per lo scontrino: «Tre pizze a 60 euro». Il titolare risponde: «Maleducati, pagato 8 euro a testa»
La storia al contrario. La vicenda degli scontrini è evidentemente sfuggita di mano. E adesso, dopo mesi di polemiche dei clienti, sono...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
ATTIVA SUBITO
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilgazzettino.it

1 Anno a 9,99€ 69,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

La storia al contrario. La vicenda degli scontrini è evidentemente sfuggita di mano. E adesso, dopo mesi di polemiche dei clienti, sono i ristoratori ad alzare la voce, rispondendo colpo su colpo. Stavolta, la storia arriva da Genova. Simone Di Maria, titolare di un ristorante, ha pubblicato uno sfogo sul suo profilo Facebook, riferendosi a un episodio accaduto nei giorni scorsi alla sua pizzeria. La sua rabbia è rivolta ad alcuni clienti, che - racconta Leggo - si sarebbero lamentati del costo della cena mostrando lo scontrino sui social. «Ma cosa deve fare un ristoratore?».

Cappuccino senza schiuma, sullo scontrino 10 centesimi in più. Il barista: «Ho usato più latte»

Cosa ha detto il ristoratore

Simone Di Maria ha pubblicato su Facebook il suo sfogo, correlato di scontrino e comanda recuperata dalla spazzatura. Dopo essere stato criticato dai clienti, ha deciso di sfogarsi. Secondo il suo racconto, si sarebbero presentati in 8 («2 bimbi e 6 adulti maleducati come pochi», dice) e avrebbero richiesto solo 3 pizze da dividere, per poi lamentarsi del conto di 63 euro totali. Troppo? Ecco la risposta del ristoratore: «3 pizze divise in 8 piatti 2 acque, 2 bibite, 3 birre e 4 caffè. Totale di spesa 63 euro, in un tavolo da 8 persone, a cena in un locale dove il coperto non si paga. Meno di 8 euro a persona. Indignati da scontrino del ristorante, ci dite come si deve comportare il ristoratore in casi come questo?», ha scritto. 

 

 

Il suo post ha riscosso molto successo. Tra i commenti, solo persone che sono dalla parte del ristoratore, che è andato nel dettaglio dell'ordine: «La pizza mezza Margherita (7€) e mezza Estate (14€) è stata calcolata a 10 come una melanzane, quindi arrotondata in difetto. Vi giuro che, purtroppo, è tutto vero!». 

Leggi l'articolo completo su
Il Gazzettino