Migranti in rivolta a Udine. Il responsabile della Protezione Civile: «Forni crematori, benzina, squadroni della morte». Poi si scusa Le immagini dei post Facebook

GRADO (UDINE) - Forni crematori, benzina, squadroni della morte: sono queste le parole riferite alla questione migranti e utilizzate per un commento su Facebook dal responsabile della Protezione civile di Grado, Giuliano Felluga, che è anche un dipendente comunale. Secondo Felluga questa sarebbe la soluzione per risolvere la rivolta nel'ex caserma Cavarzerani di Udine. (LEGGI TUTTO)

Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
Coronavirus Veneto, oltre 30mila positivi (+ 2693 in 24 ore) e 10 vittime Il bollettino
Zaia: «Nuova ordinanza: tamponi dal medico». Terapie intensive: il 30% sotto i 60 anni. Cancellate ferie ai sanitari. Halloween: «Evitiamo» Video
Addio Sean Connery, aveva 90 anni Leggendario James Bond al cinema
Non vedono più l'amico, caduto per 200 metri: recuperato dal soccorso alpino, è gravissimo
Italia in lockdown? Dal jogging al parrucchiere e agli spostamenti, ecco cosa potremo fare (e cosa no)