Festa della mamma 2018, le mamme italiane troppo stressate: i consigli per gestire l'ansia

La Festa della mamma 2018 si avvicina: ma come sono davvero le mamme italiane? Sicuramente troppo stressate, ipervigili e afflitte da ansia da abbandono o sindrome del nido vuoto. «Essere mamma è un lavoro a tempo pieno di grande importanza e molto impegnativo - spiega in vista della Festa della mamma Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente dell'Eurodap, Associazione europea disturbi da attacchi di panico, e direttore scientifico di Bioequilibrium - Qualunque sia l'età dei bambini, lo stress è sempre in agguato. La gravidanza e il post-partum, l'infanzia, l'adolescenza e l'età adulta sono tutti momenti critici».

Attenzione, però: «La bellezza dell'essere mamma non risiede solo nel dare, bisogna anche imparare a ricevere dal mondo, dai figli e dal partner. È proprio quando l'essere madre viene percepito come marchio di privazioni e rinunce che arrivano i problemi». Ma ecco alcuni consigli per gestire con maggiore serenità le diverse fasi dell'essere mamma.

«Le mamme in attesa - afferma l'esperta - sono altamente vulnerabili. Riuscire a vivere serenamente la gravidanza, senza essere continuamente in ansia per la salute del piccolo, lo aiuterà a crescere nel modo migliore. Con l'infanzia la madre invece sperimenta il suo essere indispensabile: ciò potrebbe generare un eccessivo carico di responsabilità e alti livelli di stress. È in questo momento che la madre dovrà iniziare a pensare di allontanarsi. Una madre che insegna al proprio bambino a saper fare a meno di lei, sarà in grado di accompagnarlo nel suo ingresso al mondo».
Leggi l'articolo completo
su Il Gazzettino
Nuova frana nel gruppo della Marmolada: grande massa si stacca da Cima Uomo
Dorme a casa di un amico e non si risveglia la mattina di Ferragosto: ventenne trovato morto nel letto
Meteo instabile: in arrivo temporali violenti, poi torna una nuova bolla di calore
Strage di Godega. «Ciao amato figlio, ora nuota tra gli angeli»: così mamma Tiziana saluta il suo Daniele
Strage di Godega: un mazzo di girasoli e un via vai continuo sul luogo dello schianto per ricordare i quattro ragazzi morti