«Buoni pasto Qui!, bar e ristoranti devono ancora riscuotere 32 milioni»

Bar e ristoranti devono riscuotere almeno 32 milioni di euro di buoni pasto dopo che la Consip ha bloccato l'emissione di «Qui!Ticket» con la per i dipendenti pubblici. A lanciare l'allarme sono i pubblici esercizi di Fiepet Confesercenti in rappresentanza di migliaia di imprese del settore. «Nelle regioni interessate dal problema ci sono ancora diverse migliaia di imprese che devono recuperare dall'azienda emettitrice di ticket cifre che molte volte arrivano a superare i 50mila euro - e in alcuni casi i 100mila - per un totale di almeno 32 milioni di euro non rimborsati. Ammanchi importanti, che pesano sui bilanci degli esercenti: molti rischiano di chiudere e di mandare a casa i lavoratori».

Fiepet Confesercenti chiede al ministro dello Sviluppo Luigi Di Maio di aprire un tavolo per risolvere la crisi e studiare nuove regole. «Dobbiamo far presto e, soprattutto, non lasciare soli gli operatori, che su questi ticket hanno già pagato l'IVA» spiega Giancarlo Banchieri, presidente di Fiepet Confesercent. «Scriveremo al ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio per chiedere un tavolo con tutti i soggetti interessati: associazioni di categoria, regioni,
Consip e Qui!Group. La Regione Piemonte ci ha già detto sì, ma l'emergenza è ormai di dimensioni nazionali».

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain