Enrico Montesano: «Profanata tomba di mia madre al Verano»

«Hanno profanato la tomba di mia madre». Ha la voce rotta dalla rabbia e dal dolore Enrico Montesano. Non si dà pace per quello che gli è capitato: «Chiunque sia stato ha violato la memoria e il rispetto per una persona che non c'è più. Oggi mi sento violentato».

LEGGI ANCHE Enrico Montesano: «Basta cinismo, serve più amore. Anche per Roma»

Erano da poco passate le 11 quando, come quasi tutte le domeniche, Enrico in bici si reca a far visita ai suoi cari, nel cimitero monumentale del Verano e vede qualcosa che non avrebbe mai voluto vedere. «Subito dopo aver lasciato un fiore a Vittorio Gassman - racconta a Leggo - sono arrivato alla tomba di mamma mi sono accorto che qualcosa non andava: era sparito il libro di marmo con la sua foto e la scritta che aveva inciso mio padre 65 anni fa». Scuote la testa, si mette le mani tra i capelli e gli occhi si fanno lucidi: «Me lo ricordo bene quel libro, avevo 8 anni e lo poggiai io con queste mani. Pesava tantissimo ma non sentivo la fatica, seppure ero molto piccolo, perché stavo facendo qualcosa per mamma. Oggi quel peso sembra decuplicato perché ci sono il dolore e la rabbia per un gesto tanto vile quanto incomprensibile». E aggiunge: «Non contenti, questi balordi hanno anche spostato la lastra di marmo che copre la tomba stessa».
 
Montesano non ci sta: «Per 65 anni quel libro è rimasto lì, se ora l'hanno rubato significa che siamo arrivati a un livello tale che deve per forza farci riflettere. Non è possibile che un cimitero come il Verano sia terra di nessuno. Ho parlato con dei visitatori che mi hanno raccontato di scippi e furti all'ordine del giorno. Possibile che non ci sia sorveglianza? L'Ama dov'è? I servizi cimiteriali dove sono? Si fanno vivi solo per mandare gli avvisi di pagamento. A questo punto non ci sto. Non è giusto. E non è tollerabile vedere un cimitero storico dove si viene assaliti dalle zanzare, dove è tutto sporco e abbandonato e dove i ricordi vengono portati via da balordi che fanno il bello e il cattivo tempo. È ora di dire basta. Per evitare i furti basterebbe installare una rete di telecamere, quanto costeranno mai? Ne va della sicurezza dei cittadini».

Ma non si tratta di uno sfogo dettato solo dalla profanazione della tomba di famiglia. L'attore ci tiene a sottolinearlo: «Queste cose, come scippi e furti, insieme al degrado, sporcizia e assenza di giardinieri, accadono da anni nel silenzio generale. Cari cialtroni che amministrate non parlarne, non significa che non accadano». E l'attacco torna sulla Municipalizzata: «Ama Servizi cimiteriali, mo faccio na battuta. Anche se non ho l'umore giusto: i servizi so morti ce so' rimasti solo i cimiteriali...».

Leggi l'articolo completo su Il Gazzettino.it
Outbrain