Frode da 25 milioni di euro nell'oro:
cartiere con sedi false e prestanome
Indagati in 47, molti già scappati

PER APPROFONDIRE: frode, oro, vicenza
Frode da 25 milioni di euro nel settore dell'oro
Frode da 25 milioni di euro nell'oro: 47 gli indagati, molti già in fuga

di Luca Pozza

VICENZA - Una frode milionaria nel settore del commercio dell'oro è stata scoperta dalla Guardia di finanza che, coordinata dalla Procura di Vicenza, ha eseguito un centinaio di perquisizioni in tutta Italia, indagando 47 persone. Sono 14 le province interessate dall'operazione "Marchio sfrenato", che coinvolge 36 società e la filiale romana di una banca nazionale dove le società fittizie avevano aperto i conti correnti utilizzati per le frodi. Solo tra il 2013 e il 2014 il sistema di cessione e rivendita dell'oro, dalle società sane a quelle cartiere, ha permesso una frode dell'iva per 25 milioni di euro. Le cartiere, completamente sconosciute al Fisco, erano amministrate da "teste di legno" che per questo ruolo prendevano circa 1000 euro al mese: idraulici, parcheggiatori abusivi, mendicanti senza fissa dimora e cittadini stranieri residenti all'estero, domiciliati tutti in un hotel milanese. Questi ultimi sono cinque, tre cittadini della Repubblica Ceca e due romeni, tutti irriperibili: non è escluso che abbiamo lasciato l'Italia. 
 

Il sistema di frode, basato sulla creazione e sull'interposizione fittizia di società «fantoccio» nella filiera commerciale, ha sfruttato l'emissione di fatture false per un totale di oltre 350 milioni di euro, che potrebbero aumentare con la ricostruzione dei rapporti emersi dalle recenti perquisizioni. L'organizzazione, agendo artificiosamente sull'attestazione di purezza dell'oro - pari o superiore ai 325 millesimi, oppure inferiore a questa soglia - aggirava in sostanza il regime di applicazione o meno dell'Iva, una delle discipline fiscali più complesse.

L'operazione è stata coordinata dal sostituto procuratore di Vicenza Luigi Salvadori. Il nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza del capoluogo berico, in collaborazione con i colleghi della Gdf di Matera e di altri 10 reparti delle 'fiamme gialle' di diverse regioni, hanno eseguito un centinaio di perquisizioni personali e locali in 14 province: Vicenza, Milano, Roma, Bergamo, Lecco, Como, Alessandria, Ascoli Piceno, Arezzo, Bari, Napoli, Caserta, Matera e Potenza. Non solo gli amministratori erano dei prestanome, ma anche le sedi legali delle società cartiere erano fittizie: alcune proprio inesistenti, altre dichiarate presso negozi vuoti, fast food, in un caso perfino un centro sociale di Roma. Il complicato meccanismo messo in piedi dall'organizzazione prevedeva che le società sane vendessero, almeno sulla carta, oro industriale, di purezza pari o superiore a 325 millesimi, alle società fittizie, le «cartiere».

 

Pur non eseguendo alcun tipo di lavorazione sul metallo, le 'cartiere' rivendevano la merce riducendone il titolo di purezza. In questo modo la potevano cedere aggiungendo l'Iva, maturando così un debito da versare all'Erario. Conclusa l'operazione e incassato il denaro della vendita, i soldi «sparivano» dai conti correnti, lasciando gli improvvisati amministratori con debiti milionari nei confronti dello Stato. La merce, proveniente dalle società sane giungeva ad un destinatario finale reale, passando attraverso le 'cartiere', ma anche attraverso ulteriori società 'filtro', che evitavano un contatto commerciale diretto destinatario finale della merce (società sana ed operativa) e le società cartiere. Molti dei soggetti coinvolti si sono nel frattempo resi irreperibili, portando con sè la propria parte di bottino - il valore dell'Iva incassata, e mai più versata al Fisco - e tornando nei paesi d'origine.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 25 Marzo 2016, 08:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Frode da 25 milioni di euro nell'oro:
cartiere con sedi false e prestanome
Indagati in 47, molti già scappati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2016-03-25 08:42:37
Come si può avere un domicilio in un albergo è un mistero giuridico. Come avere la residenza sotto i ponti..
2016-03-25 11:29:38
comico prima informati sulla differenza tra domicilio e residenza poi parla. io a volte quando vengo in Italia da solo e vi resto un paio di mesi[per comodita] ho il domicilio in un albergo
2016-03-25 13:16:31
Ah gi√£ con la Ghibli con la targa gialla ihihihihiheheheheh
2016-03-25 13:45:23
Se fossi di un altro stato vorrei venire in Italia? No, sarebbe come mettere il portafogli sul tavolo e ritornare a prenderlo in un secondo tempo, non c'è luogo in Italia in cui ci si possa sentire protetti, per questo gli altri (quelli che contano davvero) non vengono, non sono stupidi!
2016-03-25 15:12:05
@ enricosecondo il geloso, per tua conoscenza ho venduto la Ghibli perché in Italia hanno tentato di rubarla,quindi ho comprato uno SUV, sempre con la targa gialla ihihihihiheheheheh