Ermes Mattielli, le motivazioni della condanna: «Non doveva sparare ai 2 nomadi»

PER APPROFONDIRE: arsiero, ermes mattielli, sparatoria, vicenza
Ermes Mattielli

di Vittorino Bernardi

ARSIERO – “Non doveva sparare per far fuggire i ladri”: ecco in sintesi la motivazione di condanna in primo grado a 5 anni e 4 mesi di carcere con  risarcimento di 135 mila euro formulata il 7 ottobre dal tribunale di Vicenza nei confronti di Ermes Mattielli per duplice tentato omicidio dei nomadi Blu Helt e Cris Caris, che ferì sparandogli contro 12 colpi di pistola (una Tanfoglio 9x21) la notte del 13 giugno 2006 quando li sorprese a rubare nel suo deposito di rottamazione di via Scalini. Morto a 62 anni il 5 novembre all’ospedale di Santorso per le conseguenze di un infarto, per il tribunale collegiale presieduto da Maurizio Gianesini l’ex robivecchi Emes Mattielli “non aveva necessità di difendersi sparando addosso ai due nomadi che erano a terra. Doveva chiamare le forze dell’ordine e al limite sparare in aria”. La motivazione scatenerà discussioni sul web con il gruppo Facebook “Noi siamo Ermes Mattielli”.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Gennaio 2016, 10:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ermes Mattielli, le motivazioni della condanna: «Non doveva sparare ai 2 nomadi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2016-09-13 00:09:03
Siamo nell'era di Internet ed ancora ci sono trogloditi che usano pistole per proteggere la propria casa. Ci sono i trackr tag che tramite Wifi e Bluetooth permettono di ritrovare la bici e oggetti rubati. Un buon antifurto con videocamere nascoste è alla portata di tutti ed è anche economico. In più sistema che chiama la polizia in automatico in caso d'effrazione avvisa addirittura tramite lo smartphone.
2016-01-10 22:52:37
Certo! E lo Stato non doveva permettere che questo poveraccio venisse derubato più volte senza assicurare i ladri alla giustizia.
2016-01-08 21:34:00
I giudici doveno tenere conto che non era la prima volta. E lui sopravviveva con quel lavoro. Non era il riccone del villaggio.
2016-01-08 20:10:51
La legge prevede la possibilità di sparare solo per legittima difesa(propria o altrui). Sparare contro un ladro che non ti sta minacciando è un reato. I giudici stanno semplicemente applicando la legge. La Lega che sta strombazzando, dovrebbe spiegare perché, nei molti anni che ha governato, non ha cambiato la legge.
2016-01-08 20:07:22
...tale cosa ( sentenza ) è emessa in nome e per conto ( soprattutto sul conto) del popolo italiano.. pago ( per forza ) ma mi dissocio...