pinopin

Commenti pubblicati:
Giovedì 17 Agosto 2017, 21:44
Ci riprovo. Caro Fiocchi, il pedofilo e' colui che attua pratiche sessuali con minori entro una certa eta', pratiche punite dalle leggi Stato, che sia o non sia un prete. Il fatto che un prete pedofilo sia anche omosessuale costituisce una aggravante per la Chiesa (a condizione, penso, che diventi di pubblico dominio) ma per lo Stato solo se la pratica e' stata imposta alla controparte. Lo Stato condanna severamente la pedofilia, mai il sesso omosessuale consenziente tra adulti. Inoltre non credo che un aspirante prete dichiari di essere omosessuale prima di essere ''consacrato''. Sul tremendo caso del Forteto le do piena ragione: in quella parte dell’Italia un partito politico forse pensava di poter governare come fa la Chiesa, come se fosse stato investito da un potere superiore di poter fare la cose senza dover rendere conto a nessuno . . . su questa terra. Sull'operato degli studi di avvocati in Usa non so cosa dire se non che si trattava di reati e che la giustizia americana avra' giudicato sencondo le leggi. La scuola italiana e' una delle poche dove l' Educazione Sessuale e una materia pressoche' sconosciuta, forse perche' si pensa che sia sufficiente quelle ricevuta nella preparazione alla prima comunione e quella impartita dai compagni piu' ''svegli''. Penso che una conseguenza sia ''Una gravidanza su 5 è indesiderata. Boom di mamme a 14 anni, allarme in Italia'', titolo di un articolo con dati del 28 feb 2014 che fa molto riflettere. Concludo invitandola a leggere l'articolo dsl titolo '' Montreal: preti sotto sorveglianza''. Rifletta bene. Saluti.
Giovedì 17 Agosto 2017, 15:21
Pensavo di non tornare piu' sull'argomento, tuttavia alla sterilizzazione non ho mai pensato se non come una pratica fatta su richiesta personale del e della interessata. In Italia il legamento delle tube (a determinate condizioni) e' consentito. L'uso del preservativo non solo non e' sinonimo di squallore, ma e' un mezzo per evitare anche tante terribili malattie. Comunque anche le varie pillole anticoncezionali rappresentano un valido e piu' pratico mezzo per non far nascere figli indesiderati o destinati a morire di fame e malattie. Purtroppo la sua Chiesa prescrive che ogni atto sessuale deve essere aperto alla procreazione, cosa assurda, irrazionale e che non condivido affatto: prevenire e' meglio che curare, dice noto detto. L'Italia, per fortuna, non ha bisogno dell'opera dei missionari e spero che questi, nelle zone dove operano, distribuiscano tanti ''termometri'' e insegnino alle donne come usarlo per procreare solo se lo possono permettere!!!! Detto questo condivido pienamente il resto del suo commento anche se penso, per esempio, che certe persone vengono spinte a trovare piacere nel cibo quando la vita le priva, per vari motivi (o per scelta . . . personale), di altri fondamentali piaceri, per esempio come quelli della . . . ''carne''. Buon pomeriggio.
Mercoledì 16 Agosto 2017, 20:20
Ho riletto piu'' volte queste dichiarazioni di P.F., dichiarazioni che condivido e comprendo il suo dolore. Non capisco pero' il motivo per cui Lui chiede perdono: forse perche' non e' stato e non e' in grado di gestire una situazione che e' diventata superiore alle sue possibilta? Io mi auguro che non sia cosi' e che faccia di tutto per cercare di far cambiare il modo di pensare dei ''potenti'' che lo circondano e soprattutto di non seguire l'esempio del suo predecessore e diventare il secondo Papa emerito della storia. Inoltre, secondo me, il perdono, sulla Terra e come in Cielo, si da' a chi prima si pente e poi lo chiede. Un saluto da un non credente.
Mercoledì 16 Agosto 2017, 19:53
Caro Fiocchi, cio' che io scrissi sara' stato che nei libri Sacri si puo' leggere tutto e il contrario di tutto, perfino parabole incomprensibili come quella del “fico” o passi che parlano di Apostoli che si meravigliano vedendo il secondo miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci pur essendo stati presenti al primo. Ci sono fatti cruciali che pero' sono, stranamente, riportati da un solo Vangelo, parti forse aggiunti ad arte. Lei dice che Dio ha un modo tutto suo di ragionare. Io dico che gli uomini che hanno scritto i testi del Vecchio e del Nuovo Testamento ragionavano esattamente come coloro che scrissero degli Dei greci e romani, delle Divinita' delle civilta' che le precedettero e che le seguirono nelle diverse parti del mondo, sette odierne e future comprese. Io posso capire che una persona possa credere nell'esistenza di un Essere, ua Entita', un Dio a cui attribuire cio' che l'uomo non e' ancora in grado di spiegare, un Dio certamente ''ognitutto'', ma che a quel Dio possa interessare, controllare, punire o premiare le azioni e perfino certi pensieri di queste formiche che Lui avrebbe creato avide di potere e, come e' giusto che sia, di piaceri da godere ma solo in certi momenti e a certe condizioni o mai, che quel Dio possa considerare ''salvifico'' il dolore, per me e' una cosa assurda e inaccettabile. Io rispetto pienamente il suo credo, lei, meglio, la sua Chiesa dovrebbe rispettare il mio senza cercare di ''impormi'' le leggi della sua credenza. Saluti come sempre
Mercoledì 16 Agosto 2017, 18:56
Caro Fiocchi, ho letto il suo commento circa l'opera svolta dai missionari in tante sfortunate parti del mondo e il mio giudizio su questo aspetto dell'doopera della Chiesa mi trova pienamente d'accordo, pienamente e incondizionatamente. Pero' penso a ''certi'' non missionari che dirigono la Chiesa e a certi divieti che non aiutano, anzi aggravano il problema della fame e dalla mortalita' per fame e malattie. Io per esempio do il mio aiuto alla ricerca per il cancro, ma se potessi darei il doppio se il mio denaro fosse usato per comperare profilattici e diffondere il loro uso nelle stesse zone dove operano quei missionari di cui mi ha parlato, anzi, se fosse possibile, in sinergia con la loro opera. Gli effetti positivi si vedrebbero presto, non le pare? Io mi chiedo: ma sono proprio le guerre che ci stanno riempiendo di profughi? Fino a quando l'umanita' potra' continuare a fare figli (come . . .) senza prima chiedersi se sara' in grado di poterli sfamare senza dover assistere anno dopo anno ad un aumento costante di morti per fame e malattia, nonostante l'opera dei missionari, di Medici senza frontiere e via discorrendo. Purtroppo Dio ha creato una umanita' imperfetta simile a quella di tanti animali, umanita' dove impera la legge del piu' forte, dell'amico del piu' forte, del potente e dei suoi congreghi. Lo vediamo con i nostri occhi tutti i giorni e niente o poco possiamo fare se non apparteniamo alla giusta casta. Ma quale e' la giusta casta? Sempre un piacere ''chiacchierare'' con lei, carissimo amico Fiocchi.
Mercoledì 16 Agosto 2017, 18:07
Il pedofilo e' colui che attua pratiche sessuali con minori entro una certa eta', pratiche punite dalle leggi Stato, che sia o non sia un prete. Il fatto che un prete pedofilo sia anche omosessuale costituisce una aggravante per la Chiesa (a condizione, penso, che diventi di pubblico dominio) ma per lo Stato solo se la pratica e' stata imposta alla controparte. Lo Stato condanna severamente la pedofilia, mai il sesso omosessuale consenziente tra adulti. Inoltre non credo che un aspirante prete dichiari di essere omosessuale prima di essere ''consacrato''. Sul tremendo caso del Forteto le do piena ragione: in quella parte dell’Italia un partito politico pensava di poter governare come fa la Chiesa, come se fosse stato investito da un potere superiore di poter fare la cose senza dover rendere conto a nessuno . . . su questa terra. Sull'operato degli studi di avvocati in Usa non so cosa dire se non che si trattava di reati e che la giustizia americana avra' giudicato sencondo le leggi. La scuola italiana e' una delle poche dove l' Educazione Sessuale e una materia pressoche' sconosciuta, forse perche' si pensa che sia sufficiente quelle ricevuta nella preparazione alla prima comunione e quella impartita dai compagni piu' ''svegli''. Penso che una conseguenza sia ''Una gravidanza su 5 è indesiderata. Boom di mamme a 14 anni, allarme in Italia'', titolo di un articolo con dati del 28 feb 2014 che fa molto riflettere. Concludo dicendo che se il prete pedofilo ha i mezzi e il Vescovo lo ha subito denunciato alla Magistratura, la Chiesa non deve risarcire un bel nulla. A tale proposito la invito a leggere l'articolo dsl titolo '' Montreal: preti sotto sorveglianza''. Rifletta bene. Saluti.
Mercoledì 16 Agosto 2017, 16:39
Secondo me le ''cose'' non possono coesistere perche' diverse, molto diverse sono le pene previste dal Codice Penale per il ''reato grave'' e quelle previste dalla Santa Romana Chiesa per il ''peccato grave'' (. . . . su questa terra, naturalmente) e soprattutto per il fatto che la seconda non denuncia il reo e non risarcisce la vittima.
Mercoledì 16 Agosto 2017, 15:44
Sig. Binariciuto, quando parla di ''loro'' sono certo che, da buon credente nel suo Dio e, soprattutto, in suo Figlio, lei si riferisca a pedofili, preti compresi e a coloro che li coprono, li proteggono e anche li giustificano. O no???
Mercoledì 16 Agosto 2017, 15:29
@Fiocchi 2017-08-16 12:41:25-Se vuole argomentare argomentiamo. Vogliamo parlare dei fatti americani e delle diocesi ridotte al lastrico per aver coperto, come continua ad avvenire impunemente nel Bel Paese, i preti pedofili? Vogliano parlare dell'Australia dove nel 2014 la Chiesa Anglicana del luogo ha abolito il segreto confessionale per reati gravi, e ove ora la Commissione Real contro gli abusi chiede che i preti possano essere condannati per silenzi su atti pedofili uditi in confessione ed e' la Chiesa Cattolica ad essere messa nel mirino dopo i gravi casi di abusi sui minori per cui molti preti e vescovi sono accusati di aver effettuato/tenuto nascosto tra gli anni Ottanta e il Duemila? Vogliamo parlare dello Scandalo pedofilia all'istituto Provolo ancora sugli altari delle cronache (si tratta di bambini sordomuti). Vogliamo rivangare i noti casi in Paesi come Irlanda, Austria, Italia, Belgio, Paesi Bassi, Germania, Svizzera, Spagna, Regno Unito, Francia e Malta e perlare del fatto che in Italia, a differenza di molti altri Stati, i Vescovi non son tenuti a comunicare alle autorita' competenti italiane i casi di pedofilia commessi nelle loro Diocesi e di cui sono venuti a conoscenza (non durante la confessione, naturalmente!!!)? Mi fermo qui, ma potrei continuare e continuare. P.F. parla di perdono, mai di prevenire e di risarcire le vittime. Saluti
Martedì 15 Agosto 2017, 16:24
@gf43. Lei ha ragione da vendere, Oscar Romero e i fautori della Teologia della Liberazione hanno combattuto contro le dittature latinoamericane. La cosa non fu gradita dalla Chiesa Cattolica del suo tempo. Romero fu ucciso da un sicario su mandato di Roberto D'Aubuisson, leader del partito nazionalista conservatore ARENA (Alianza Republicana Nacionalista). Io, non credente, considero Oscar Romero un martire.
Sabato 12 Agosto 2017, 18:27
Zac e ri-zag. Sicuramente la vita sara' piu' serena per lui e per tutti.
Sabato 12 Agosto 2017, 17:03
Mi piacerebbe sapere la natura della ''scusa'' che ha convinto la giovane straniera, ospite di una comunitĂ  per emigranti rifugiati, a seguire lo sconosciuto nigeriano nei bagni della stazione dove ha subito. . . ecc. ecc.
Sabato 12 Agosto 2017, 16:30
Caro amico Fiocchi, non so dove ha letto la notizia da lei riportata relativa alla strana, per me, interrogazione. Se una persona e' ancora in grado di intendere e di volere puo' cambiare si suoi ''data'' quanto vuole e come vuole, in caso contrario spettera' a chi e' stato incaricato nel testamento biologico di valutare e decidere. In presenza di un testamento biologico dove l'interessato dichiara di voler ''vivere'' a qualunque costo, un medico non puo' comportarsi come ha fatto il medico dell'articolo, mentre ove l'interessato dichiari di rifiutare l'alimentazione e l'idratazione artificiali (quindi, per lui, ''innaturali'') la posizione di quel medico sarebbe, dal mio punto di vista, corretta. Un buon fine e fresca settimana a lei e famiglia.
Venerdì 11 Agosto 2017, 17:17
Ho letto tutti i commenti ed avendo vissuto una esperienza simile concordo in linea generale con le opinioni di RedFoxy: io non avrei mai chiesto di staccare la spina a mia moglie pur sapendo che le probabilita' di una sua ''ripresa'' erano pressoche' zero. Tutto cio', PERO' solo per un motivo: mia moglie non mi aveva mai detto quali erano le sue volonta' di fine vita, ma se mi avesse detto che lei non avrebbe voluto continuare a vivere in uno stato di totale incoscienza mantenuta in vita dal respiratore elettrico e nutrita artificialmente, io avrei subito chiesto e mi sarei battuto affinche' la sua volonta' fosse rispettata. Lei mori durante l'operazione per attivare la Peg. Ricordo a tutti che il ddl sul Testamento biologico e' stato boicottato e criticato dai Deputati rispettosi dei principi cristiani ed ora e' fermo in Senato, penso, sino alla fine di questa travagliata legislatura, con la conseguenza che tutto dovra' ricominciare daccapo.
Mercoledì 9 Agosto 2017, 14:54
Eccetto i vostri, naturalmente.
Martedì 8 Agosto 2017, 17:04
Dalle stelle alle stalle. Naturalmente e' tutta una questione di . . . invidia.
Martedì 8 Agosto 2017, 16:54
AVVISO per i TURISTI: ''State molto attenti perche' tra poche ore ve le ritroverete con le mani in tasca . . . . le vostre naturalmente''.
Martedì 8 Agosto 2017, 11:57
Poverini come li capisco!!! Prima la paura della guerra, della carestia e . . ., ora accatastati in una una casa famiglia (concetto per loro ignoto), ai cibi non etnici ci si abitua, ma alla mancanza di ''gnocch.. al sugo'' no, son giovani e forti. Bivaccare senza fare niente . . che noia. Come li capisco, penso proprio che vorrebbero ritornare nei propri paesi, dai propri cari . . . alla normale vita di tutti i giorni. Perche' non accontentali?
Martedì 8 Agosto 2017, 10:48
Sono certo, anzi sicuro, che quasi tutti gli incendi di cui le cronache non fanno altro che parlare in senso catastrofico, sono dovuti ad ''autocombustione'' o a fulmini scagliati da Dio per punirci della nostra ''dabbenaggine''. Pero', ''quando sono sbronzo'', mi viene in mente che tutto sia frutto di piani bel congegnati, di piromani che agiscono per precisi scopi . . . ecologici di cui la stampa si guarda bene di parlare. Le cose, per chi ci sgoverna, vanno bene cosi' e mai si legge o ci raccontano di un provvedimento serio preso per affrontare e limitare questi ricorrenti e immani disastri e mandare in galera per lunghissimi anni i piromani e i loro mandanti. Come mai? Che schifo!!!
Sabato 5 Agosto 2017, 16:51
Ci riprovo. Caro amico, lei pretende che un non credente passa capire e accettare certi concetti della sua fede come sacramento, transustanziazione, ascesa in cielo da vivi, la resurrezione di morti e via discorrendo. Il matrimonio per me e' una unione fondata ''sull'amore'' (ma spesso non e'cosi') con la finalita' di procreare (se si e' in grado di assicurare al o ai figli una vita dignitosa) e di vivere rispettando le leggi in base al principio che la liberta' di ognuno finisce dove inizia quella degli altri, e che se il comportamento di una persona non arreca nocumento agli altri, gli altri non devono intromettersi (per esempio rifiuto dell'alimentazione e dell'idratazione in situazione di fine vta). Per me quel prete ha interferito nella vita di una famiglia e ha contribuito alla distruzione di una famiglia. Lei ritiene che il matrimonio sia una unione ''consacrata e indissolubile', io non sono dello stesso parere e le cronache e le statistiche mostano tutta un'altra realta'. La riconciliazione e' sempre auspicabile, ma presume il sincero pentimento, il riconoscimento delle reciproche colpe e il loro reale perdono. Nel nostro caso il prete si e' reso colpevole, insieme alla donna, della rottura che pare insanabile del matrimonio: secondo lei con chi si dovrebbe riconciliare? Con Dio e solo con lui? Si ricordi che ora siamo su questa terra, in cielo, coloro che ci credono, ci andranno dopo la morte. Saluti.
Venerdì 4 Agosto 2017, 16:27
Questa storia degli sposi che si somministrano a vicenda il sacramento e, ne deduco io, che la funzione del Pastore e' in pratica la stessa del Sindaco o del suo Delegato, proprio non la sapevo: che fantasia hanno coloro che ''costruiscono'' la cosiddetta credenza o fede. Quindi un aspirante Pastore fa un semplice accordo con il Vescovo che lo consacra? Il Sacramento dell'Ordine e' un sacramento di serie b? Non lo credo e infatti leggo che ''Un sacerdote cattolico che amministra i sacramenti non opera in forza di un potere proprio ne' della sua eccellenza morale (che a volte, purtroppo, neppure possiede), ma opera “in persona Christi”; con ''l'ordinazione'' egli acquisisce la forza di Cristo che ''trasforma, che sana e che salva''. Poiche' un sacerdote non ha niente che gli sia proprio, e' solo un servitore; il segno distintivo di ogni sacerdote e' quindi un'umile meraviglia per la propria vocazione''. Pero', come nel caso che stiamo commentando, pare che non sempre il Cristo riesca nel suo intendo e la Chiesa dovrebbe prenderne atto e . . e provvedimenti. Lucifero lasciamolo nella fantasia ci chi, come P.F., ci crede, mentre per il Generale gesuita padre Arturo Sosa il demonio e' solo ''una figura per esprimere il male'', una semplice ''figura retorica''. Saluti.
Giovedì 3 Agosto 2017, 16:07
Caro Fiocchi, posso solo dire, basandomi sul mio modo di concepire la vita, che se ami una persona non la strangoli, a meno che lo fai per evitare danni gravi o gravissimi alla tua persona. In ogni caso da alcuni articoli che ho trovato sulla rete nulla di chiaro e' riferito sulla natura dei motivi che hanno portato alla morte la povera ragazza: c'e' solo la versione di chi ha causato la sua morte, niente su un vero movente certo e plausibile. Quindi non e' sufficiente un momento di rabbia per causare la morte della persona che ami, anche se sei un ''bravo ragazzo''. Saluti.
Giovedì 3 Agosto 2017, 15:31
Mettiamola cosi: secondo lei il prete puo' comportarsi come una normale pecorella e trasgredire a suo piacimento le regole del Vangelo, quelle stesse che le pecorelle debbono riferirgli di aver trasgredito per avere l'assoluzione e accedere ai Sacramenti. Lui, il pastore, risponde solo a Dio, dopo la morte. E' prassi della sua Chiesa coprire i pastori pedofili, figuriamoci quali provvedimenti potrebbe prendere, se li prendera', per un ''uomo di chiesa che fa saltare un matrimonio violando le norme ecclesiastiche''. Non si e' mica SPOSATO (questo si che sarebbe un abominio imperdonabile!!!) con la donna con cui ha fatto sesso alla faccia del famoso decimo comandamento che Dio in persona scrisse nelle Tavole Della Legge: “Non concupire la casa del tuo prossimo; non concupire la moglie del tuo prossimo, né il suo servo, né la sua serva, né il suo bue, né il suo asino, né cosa alcuna che sia del tuo prossimo”. (Esodo 20:17). Pero' e' anche vero che Gesu' fu mandato per completare , non per cambiare l’opera del Padre suo. Con riferimento a questo caso sa dirmi cosa ha ''completato''? Saluti.
Mercoledì 2 Agosto 2017, 17:07
E' ''anche'' colpa del prete, quindi non mi pare giusto che la vittima gli paghi le spese legali e che debba subire addirittura un pignoramento. Se il prete non ha i soldi se li faccia dare dal suo Dio e richieda un mutuo allo Ior. Saluti.
Mercoledì 2 Agosto 2017, 16:52
Se un marito si accorge che la moglie frequenta la casa di un non prete rizza subito le orecchie, meno se la vede frequentare la CASA DI DIO. Se a un prete piace la ''carne'', per rispetto al suo Dio, dovrebbe rinunciate a tutte le promesse fatte e dedicarsi ad un'altra attivita'. Io la vedo cosi', e condivido pienamente il commento di capitanodamar. Saluti.
Mercoledì 2 Agosto 2017, 16:30
Anche se a commettere il fattaccio fossero stati due uomini o due donne o un uomo e una donna, qualunque coppia (o singolo o tripletta o . . ) se individuata dovrebbe (in Italia il condizionale e' d'obbligo) essere sanzionata severamente.
Mercoledì 2 Agosto 2017, 16:27
Bravo o non bravo e' un assassino, ha tolto la vita ad una giovane nel fiore degli anni gettando nella disperazione la di lei famiglia. Lei, caro amico di penna, mi ricorda sempre che la vita e' sacra, anche nello stato vegetativo, quindi, a maggior ragione in questa caso, un uomo maturo e innamorato, generoso e che aiutava gli altri, non avrebbe dovuto comportarsi come . . non trovo la parola giusta, ma non c'e' emozione che passa giustificare cio' che ha commesso. Sentite condoglianze alla famiglia della sfortunata Nadia. Saluti a lei, amico Fiocchi.
Martedì 1 Agosto 2017, 17:32
Anche se a commettere il fattaccio fossero stati due uomini o due donne o un uomo e una donna, qualunque coppia (o singolo o tripletta o . . ) se individuata dovrebbe (in Italia il condizionale e' d'obbligo) essere sanzionata severamente . . . indipendentemente che la performance avvenga in Polesine o nel profondo sud.
Martedì 1 Agosto 2017, 17:13
Spero che il Santo Padre legga questo articolo ed abbia misericordia per il marito tradito decidendo che sia la Chiesa a risarcire le spese poste a carico di quest'ultimo e non di colui che ha tradito con il suo comportamento i sacri principi della Chiesa contribuendo alla rottura di un matrimonio probabilmente consacrato. Mi piacerebbe sentire un suo giudizio su questa incresciosa vicenda.
Martedì 1 Agosto 2017, 14:24
E poi vedo tanti pollici in giu' per le dichiarazioni di Corona, ''l'uomo del Vajont''. Se lo Stato non e' in grado di proteggerci, ci deve permettere di DIFENDERCI, oppure farsi carico dei danni morali e materiali causati dai delinquenti nostrani e da quelli accolti in pompa magna.