Lunedì 14 Agosto 2017, 00:00

«Sono validi, ma contestiamo l'imposizione di pesanti coercizioni»

«Sono validi, ma contestiamo  l'imposizione di pesanti coercizioni»
La coercizione in assenza di emergenze, la compressione della libertà dei cittadini, l'irragionevolezza e la sproporzione di un provvedimento che non bilancia con equilibrio il diritto alla salute del singolo e della collettività. Sono diversi i temi stigmatizzati dalla Regione nel ricorso alla Corte Costituzionale contro il decreto sull'obbligatorietà dei vaccini, per il quale il Consiglio dei ministri ha recentemente deliberato l'intervento in giudizio. Ma a spiccare fra le 43 pagine è, in particolare, la doglianza riguardante i maggiori...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Sono validi, ma contestiamo l'imposizione di pesanti coercizioni»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER