Colpo grosso all'ospedale: rubati
strumenti per mezzo milione di euro

La sede di Borgo Roma (da wikipedia)
VERONA - Oltre venti strumenti endoscopici, fra gastroscopi e coloncoscopi per adulti e pediatrici e duodenoscopi, sono stati rubati nelle stanze del Servizio di Endoscopia Digestiva all'ospedale di Borgo Roma, a Verona. Tutti gli strumenti erano della stessa marca e compatibili con alcune centraline che fanno parte anch'esse del bottino dei malviventi. Il valore economico delle apparecchiature è attorno al mezzo milione di euro. Ne ha dato notizia la stessa azienda ospedaliera di Verona.

Il furto è stato messo a segno nell'ultimo fine settimana, ed è stato scoperto lunedì mattina dal personale addetto alle pulizie che ha trovato le porte forzate nelle sale diagnostiche e nella sala disinfezione. I Carabinieri della Stazione di Verona, avvertiti dal servizio di vigilanza interna, hanno compiuto i rilievi e stanno conducendo le indagini visionando anche le immagini delle telecamere di sicurezza dell'ospedale, per ricavare elementi utili all'individuazione dei ladri. Le pesanti ripercussioni sull'attività diagnostica - precisa l'Asl - sono state limitate al massimo, grazie alla disponibilità e all'impegno di tutti i servizi di endoscopia dell'Azienda, ed è stato possibile attivare una seduta straordinaria presso le sale endoscopiche di Borgo Trento, ad opera dei medici e degli infermieri di Borgo Roma. Un certo numero di pazienti, sia interni che esterni, con la collaborazione della Croce Verde, sono stati trasferiti alla sede di Borgo Trento in ambulanza per cercare di limitarne i disagi mentre ad altri pazienti è stata erogata la prestazione presso la sede di borgo Roma, con gli strumenti idonei disponibili.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 23 Febbraio 2016, 14:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Colpo grosso all'ospedale: rubati
strumenti per mezzo milione di euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2016-02-23 15:14:22
Nel male c'e' sempre da sperare che servano in altri ospedali.Da un'auto parcheggiata nei pressi di un negozio di verdura...spari' uno sfigmomanometro digitale a pile.Alcuni giorni dopo riapparve appoggiato a delle cassette vuote...non avevano capito a cosa potesse servire,escluse le pile arraffate..In un romanzo della Fallaci ambientato in Libano, l'ospedale da campo lasciato prima di ritirarsi venne invaso da vari clan ed ognuno si accaparrò dei pezzi...Uno la macchina RX ,un altro le Lastre fotografiche vergini, un altro ancora lo schermo per visionarle, alcune il sostegno metallico , altri le flebo, altri le siringhe , altri i farmaci.Tanto per dire di aver fregato qualcosa agli altri.IL tutto perfettamente reso inutile e senza valore.Comunque da noi ci sono i basisti , i finti visitatori di parenti...i finti ammalati in carrozzina...i finti chiedenti appuntamento muniti di numero d'attesa..rapaci come sparvieri.
2016-02-23 16:47:30
visionando anche le immagini delle telecamere di sicurezza dell'ospedale > ma visionate quelle dei caselli autostradali, piuttosto - macht's gut:))
2016-02-23 18:01:13
non ci sono parole per commentare questi fatti...vien solo da dire:speriamo che questa gente sparisca presto da questa terra. Non è cristiano,lo so,ma...
2016-02-24 08:50:32
Controllate le frontiere, perderemo Schengen, ma troveremo un mare di refurtiva!
2016-02-26 20:57:29
Evidentemente qualcuno voleva "VEDERCI DENTRO".