Uccide la vicina di casa con la sega
elettrica e si barrica: catturato

PER APPROFONDIRE: assassinato, catturato, mestre, uomo, venier
Uccide la vicina di casa con la sega
elettrica e si barrica: catturato
MESTRE -  Catturato dai Nocs l'assassino della donna fatta a pezzi con una motosega. L'omicidio in uno stabile di via Ca' Venier, una strada nel centro di Mestre. Riccardo Torta, questo il nome dell'assassino, ha 68 anni e nel 1973 aveva già ucciso una prima volta. Attorno alle 20, dopo avere massacrato Nelly Pagnussat di 78 anni, si era asserragliato nella sua abitazione.
 



Tutta la zona era stata circondata dalla polizia che ha schierato anche agenti del Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza.

Le teste di cuoio erano attrezzate per penetrare nell'appartamento dove si era barricato Torta che tuttavia ha aperto agli agenti dopo un lungo assedio e la trattativa con l'ausilio di uno psicologo. A tarda sera la fine dell'incubo.
Ad accorgersi dell'omicidio due studentesse cinesi che abitano al piano sopra e hanno visto Torta uscire dall'abitazione dell'anziana signora, che lui chiamava zia, tutto insanguinato.
Nel 1973 Torta uccise un finanziere, Alberto Calascione, gettando un blocco di porfido dal ponte dell'Accademia sull'imbarcazone delle fiamme gialle.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 15 Gennaio 2016, 21:58






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Uccide la vicina di casa con la sega
elettrica e si barrica: catturato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2016-01-18 21:34:16
ovviamente in questa vicenda nessuno è responsabile, a parte l'assassino........
2016-01-17 09:07:10
Anton 48,purtroppo il buonismo è sempre esistito.Infatti nessuno può permettersi di uccidere un uomo , menomarne un altro e cavarsela con 16 anni di carcere e 3 di manicomio giudiziario.Chi lo ha conosciuto,o si ricorda le cronache di quei tempi sà molto bene che Torta aveva una lista molto lunga di reati che non erano "marachelle",senza contare tutto quello che non era stato segnalato e che lui aveva combinato.Ma si sà,in italia bisogna tendere al recupero degli individui che "sbagliano",cosi iniziano percorsi di redenzione e qualcuno decide a un certo punto,che sei guarito.Ovviamente nessuno risponde per queste diagnosi,e questo è il risultato.A pagare è stata quella povera signora,mentre Torta ritornerà,finalmente, nei luoghi che non avrebbe mai dovuto lasciare.
2016-01-16 19:13:47
basaglia ha fatto tanti danni con la sua legge 180 e in più hanno tolto i manicomi criminali.
2016-01-16 15:06:56
era stato condannato a sedici anni, aveva scontato la pena ed ere uscito all'inizio degli anni 90. (a quei tempi non c'era tanto "buonismo"). Quello che non ha assolutamente funzionato e' la legge Basaglia, che andrebbe assolutamente rivista, come andrebbero rivisti i criteri di determinazione della "pericolosita' sociaale", prevedendo luoghi di internamento o ricovero.
2016-01-16 14:08:05
Se nel 1973 fosse stato giustiziato (come sarebbe successo in tantissimi stati democratici della democratica America) oggi non saremmo a piangere una nuova morte.