Turisti in bikini e perizoma in via Bafile: «E ora entrano così anche nei negozi»

PER APPROFONDIRE: jesolo, perizoma, turisti
Turisti in bikini e perizoma in via Bafile: «E ora entrano così anche nei negozi»

di Giuseppe Babbo

JESOLO - Forse è solo un effetto del caldo torrido degli ultimi giorni, magari abbinato a un po' di istinto esibizionista. Per contro, chi ha sollevato la questione, sottolinea di non essere bigotto, pretendendo però una maggiore educazione tra i clienti. Ragazze in bikini o perfino in perizoma, lungo la centralissima via Bafile: si riaccende la protesta di commercianti e residenti

La polemica ritorna puntuale ogni anno, ed è riesplosa nuovamente negli ultimi giorni. Anche perché dopo le passeggiate lungo il marciapiedi in costumi sempre più micro, il passo successivo è stato quello degli acquisti nei negozi, sempre in perizoma o simili, girando tranquillamente tra gli scaffali. Esattamente come se si fosse sulla battigia, anche se lo scenario è completamente opposto e caratterizzato da strade, marciapiedi e negozi, compresi bar e alimentari. Quanto basta per sollevare una nuova ondata di indignazione e riaprire un nuovo capitolo sulla questione decoro in città. Senza dimenticare che la questione è anche di igiene, come hanno sottolineato i commercianti che per le loro attività devono sottostare a rigidi protocolli Haccp. 

«E' una questione legata ai comportamenti delle persone commenta il presidente di Confcommercio, Angelo Faloppa . Del resto basta vedere cosa sta accadendo a Venezia, anche se nel nostro caso il fatto di essere una città di mare ci aiuta a comprendere un po' di più queste situazioni. Non servono ordinanze, ma un po' di buona educazione in più in alcune circostanze non guasterebbe». A gettare acqua sul fuoco è il sindaco Valerio Zoggia: «L'importante è che queste persone non circolino in questa maniera vicino alle chiese, come tra l'altro vieta una norma nazionale commenta . Ma oltre questo caso specifico credo che in un città balneare come la nostra queste siano situazioni abbastanza normali. Tra l'altro molti negozi si trovano vicino alla spiaggia: non ho intenzione di fare delle ordinanze specifiche, certo molto dipende dalla sensibilità delle persone che dovrebbero capire in che modo vestirsi quando si spostano in città». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 6 Agosto 2017, 17:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Turisti in bikini e perizoma in via Bafile: «E ora entrano così anche nei negozi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 51 commenti presenti
2017-08-18 10:10:26
E' solo questione di educazione. Evidentemente a molti turisti è stata tenuta nascosta fin da piccoli.
2017-08-10 10:47:02
... in una città che vive di turismo balneare ci devono essere delle aree in cui si possa girare in costume, via baffile è di fatto quell'area. io non vedo nessuno a jesolo paese a torso nudo, massimo qualche pescatore in riva al fiume. Diciamo che, al solito, certi commenti vecchi, fatti da vecchi, si impongono su tutti. Questo paese dovrebbe fare delle leggi a tutela degli under 60. Dopo i 67, SUBITE la volonta degli altri, il vostro tempo è fatto e di buono non avete lasciato molto, quindi, perfavore RASSEGNATEVI e date ad altri la possibilità di decidere anche per voi. M vecchi-vecchi
2017-08-09 01:01:59
Gentilissimo Sindaco, purtroppo tra i villeggianti c'è una totale mancanza di rispetto nei confronti di tutti i negozianti: nessuno saluta, nessuno ringrazia per il servizio ricevuto, si entra nei negozi con il gelato toccando ovunque, si toccano gli oggetti esposti senza chiedere, si lascia che i figli giochino con quanto si trova nel negozio, si fanno foto, si aprono i cassetti dove si trova la merce senza chiedere, si entra persino in negozio in bicicletta, per non parlare di chi entra sporco,sudato,puzzolente. Tutto questo ha un solo comune denominatore, la mancanza di rispetto, per chi si impegna ogni giorno per svolgere al meglio il proprio lavoro ed offrire un servizio di qualità . In nome di questo rispetto io chiederei pertanto che Sì, vengano posti dei divieti e restrizioni : no al costume no al gelato no alle foto e un bel no a tutto ciò che viola le buone norme di civiltà. Grazie Sig. Sindaco!!
2017-08-08 11:29:29
Grande Phoenix... proprio di questo si tratta, di una mandria di bifolchi maleducati. Il rispetto che loro tanto invocano non è a senso unico, solo rivolto a loro... cadiamo sempre lì carissimo, le regole van sempre bene per gli altri... i sinistri lo sanno bene e infatti li chiamano "diritti" e di questo campano... Ciao Amico e se ti capita, dimmi come stai..
2017-08-08 16:34:38
@ Fiocchi. Secondo me e' solo questione di '' decenza'' e di rispetto per gli altri. Mi fu insegnato da bambino,e continuo a crederlo. Sto abbastanza bene,Grazie,la cura funziona.Spero lo stesso per Te. Un abbraccio.