Massacra a coltellate l'amica in auto e poi tenta di fare harakiri

PER APPROFONDIRE: auto, compagna, omicidio, suicidio, trebaseleghe
Massacra a coltellate l'amica cuoca
in auto e poi tenta di fare harakiri
TREBASELEGHE - Ancora un femminicidio nel Padovano: ha ucciso l'amica e poi ha tentato di uccidersi. La tragedia alle 16,20, dietro il municipio di Trebaseleghe. La coppia era in auto quando l'uomo, in preda a un raptus, ha afferrato un coltello e ha colpito la donna, uccidendola. Poi ha rivolto la lama verso se stesso, con il proposito di farla finita, e se l'è affondata nel ventre. Ad accorgersi dei due corpi, in posizione innaturale all'interno della Lancia Y parcheggiata, è stato poco dopo le 16 un passante, che ha dato subito l'allarme. Sul posto sono giunti i carabinieri e i medici del Suem, che però non hanno potuto far nulla per la donna, già deceduta e in un lago di sangue.


LA VITTIMA Natasha, mamma a 17 anni, viveva per i suoi adorati figli e il lavoro


Gravissime anche le condizioni dell'assassino che ha perso moltissimo sangue. «Un raptus per motivi passionali» le prime indiscrezioni che trapelano dagli inquirenti.  La donna uccisa  è Natasha Bettiolo, 46 anni, nativa di Noale (Venezia) ma residente a Massanzago, in provincia di Padova. L'omicida è  andato ad aspettarla fuori da scuola dove la donna lavorava come cuoca nella mensa. Voleva convincerla a riprendere la loro relazione. Ma lei non ne voleva sapere. 

L’omicida è Luigi Sibilio, 35 anni, originario di Napoli, residente a Loreggia, pizzaiolo in un locale di Santa Maria di Sala. L'uomo ha estratto dalla tasca un coltellaccio da cucina e ha vibrato tre o quattro fendenti all'amica, per poi tentare di togliersi la vita. Una coltellata le ha reciso giugulare e trachea. Un'altra le ha squarciato l'addome. La poveretta è morta praticamente all'istante mentre Sibilio, che si accoltellato al torace e al collo, è stato salvato grazie al tempestivo intervento dell'elisoccorso del Suem.
 
 
 


Gravissime anche le condizioni dell'assassino che ha perso moltissimo sangue. «Un raptus per motivi passionali» le prime indiscrezioni che trapelano dagli inquirenti.  La donna uccisa  è Natasha Bettiolo, 46 anni, nativa di Noale (Venezia) ma residente a Massanzago, in provincia di Padova. L'omicida è  andato ad aspettarla fuori da scuola. Voleva convincerla a riprendere la loro relazione. Ma lei non ne voleva sapere. 

L’omicida è Luigi Sibilio, 35 anni, originario di Napoli, residente a Loreggia, pizzaiolo in un locale di Santa Maria di Sala. L'uomo ha estratto dalla tasca un coltellaccio da cucina e ha vibrato tre o quattro fendenti all'amica, per poi tentare di togliersi la vita. Una coltellata le ha reciso giugulare e trachea. Un'altra le ha squarciato l'addome. La poveretta è morta praticamente all'istante mentre Sibilio, che si accoltellato al torace e al collo, è stato salvato grazie al tempestivo intervento dell'elisoccorso del Suem.

I particolari sul Gazzettino in edicola il 19 maggio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 18 Maggio 2017, 17:45






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Massacra a coltellate l'amica in auto e poi tenta di fare harakiri
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti