Veritas perde in Cassazione: deve
restituire l'Iva del servizio rifiuti

PER APPROFONDIRE: cassazione, ricorso, tassa, tia, venezia, veritas
Veritas perde in Cassazione: deve  restituire l'Iva del servizio rifiuti
VENEZIA - Non si deve pagare l'Iva in bolletta per il servizio raccolta rifiuti urbani perché la somma ha già «natura di tributo» che rende «inapplicabile l'Iva». Lo hanno deciso - dopo 7 anni di battaglia legale -  le Sezioni Unite civili della Cassazione respingendo il ricorso della 'Veritas spa' di Venezia, società di servizi ambientali, contro la decisione del Giudice di pace di Venezia che nel 2009 accogliendo il ricorso del veneziano Gino B., la condannò a restituirgli 67 euro e 36 centesimi di Iva non dovuta, oltre a interessi e spese.

Sul tema c'erano differenti orientamenti giurisprudenziali e perciò la questione è stata sottoposta alle Sezioni Unite della Suprema Corte che, nella sentenza 5078 depositata oggi, hanno formulato la soluzione definitiva sulla natura della tariffa rifiuti alla quale tutti ora si devono uniformare. La decisione del Giudice di pace di Venezia venne confermata anche dal Tribunale veneziano che nel 2014 riaffermò la natura tributaria della tariffa per l'igiene ambientale (Tia) ed escluse «l'assoggettabilità della Tia ad Iva sia per l'assenza di una normativa specifica, sia per essere le relative entrate riconducibili ai diritti, canoni e contributi percepiti nell'esercizio di pubbliche autorità». Le Sezioni Unite - presidente Renato Rordorf, relatore Marcello Iacobellis - hanno respinto il ricorso della 'Veritas' e la hanno condannata a pagare 1300 euro in favore di Gino B. per le spese del giudizio di Cassazione.

Ovviamente la sentenza farà giurisprudenza e per Veritas s'annunciano forti uscite impreviste. Le colmerà alzando le tariffe?
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 15 Marzo 2016, 18:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Veritas perde in Cassazione: deve
restituire l'Iva del servizio rifiuti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2016-03-16 19:27:33
...E ci voleva la cassazione per sancire che sui tributi non è dovuta l'IVA?? Comunque, per rispondere a Rinoariete, purtroppo le sentenze hanno efficacia tra le parti, per cui il rimborso è dovuto solo al ricorrente. Il lato positivo è comunque che con questa sentenza la Veritas la smetterà con questa prassi assurda, a beneficio anche di chi non ha fatto causa!
2016-03-16 18:00:42
Essendo un unica azienda che ha nel territorio veneziano un saldo monopolio e potere per quanto riguarda il rimorso non credo che questo avverrà, ci sarà un codicilli nel caos di qualche decreto mille prorpoghe che dirà ..chi avuto ha avuto chi a dato a dato scordimaoci il passato. Non hanno fatto così anche per le pensioni nonostante la sentenza non della corte di Cassazione, ma della Corte Costituzionale. Non facciamoci sangue amaro. Oramai abiamo pagato
2016-03-16 17:56:57
Magari caro libero li pesassero i rifiuti, pagheremo senz'altro meno. la tariffa è legata hai metri quadri e al numero di persone che compongono il nucleo, perciò non ha nessun riferimento diretto rispetto a quanto veramente prodotto e sportato dall'azienda rifiuti. E' un a muchetta da mungere quando il comune ha bisogno di soldi, guardi gli ultimi aumenti forse che il prezzo del conferimento dei rifiuti è aumentato, no, il commissario aveva bisogno di liquidi e ha aumentato le tariffe, ha tolto delle "limitazione" come per esempiop ,o sconto per gli edifici con altezza inferiore a 2metri e lo sconto per chi vive solo, anziani compresi. Questo è palese voler far schei. Senza contare che ci raccontano sempre balle come il risparmio per il riciclo, il risparmio per le rsu(rifiuti solidi urbani) bruciati nella centrale di fusina, il risparmio di aver fermato l'inceneritore di fusina , ecc. ecc. risparmi che sono stati spesi....... in altro modo.Se invece si pesassero veramente i rifiuti e si facesse pagare a Kg, avremmo una raccolta differenziata del 100%, staremmo attenti agli imballi inutili e sicuramente pagheremo meno. Ma ahimè, non potrebbero più fare cassa modificando altezze metri quadri, anni di età e single.
2016-03-16 14:38:28
Ma Veritas versava l'IVA allo Stato (essendo una imposta indiretta sui consumi)? se sì dovremo chiedere il rimborso allo stato e non a Veritas !
2016-03-16 08:44:59
EH NO alzando le tariffe;è già un soppruso aver applicata l'IVA,quindi il rialzo diverrebbe "furto" ! Anzi dovrebbe restituire a tutti il mal tolto.