Spacca i bicchieri e li mangia: corsa in ospedale per estrarre i frammenti

Spacca i bicchieri e li mangia: corsa  in ospedale per estrarre i frammenti
MESTRE -  Ha trovato in Ospedale un’assistenza articolata e coordinata, che gli ha salvato la vita, un paziente che aveva compiuto un pericoloso atto di autolesionismo. L’uomo è stato soccorso nei giorni scorsi presso la sua abitazione dove, in stato confusionale, ingeriva e masticava frammenti di vetro da bicchieri volutamente frantumati. L'uomo è stato imediatamente portato al Pronto Soccorso dell’Ospedale dell’Angelo. Qui il paziente è stato subito accolto nella “shock room”, l’area attrezzata per gli interventi complessi, dove erano stati allertati lo specialista di Otorinolaringoiatria, il gastroenterologo e il chirurgo generale. Una immediata TAC “total body” ha permesso di visualizzare la collocazione dei frammenti di vetro nel corpo del paziente: molti erano distribuiti lungo le vie aeree superiori, in particolare nel cavo orale, nella faringe, nella laringe; nell’esofago e stomaco erano presenti anche grossi pezzi di bicchiere.

Trasferito il paziente urgentemente in sala operatoria, il dottor Lorenzo Trombetta e la dottoressa Lucia Lora, dell’Unità Operativa di ORL, sono riusciti a estrarre i minuti pezzi di vetro che erano nelle vie aeree superiori: utilizzata alla bisogna una tecnica endoscopica rigida, che ha permesso l’esposizione totale dell’area ed ha quindi consentito di estrarre i minuti frammenti di vetro altrimenti impossibile da rimuovere, perché nascosti nelle pieghe della mucosa. In collaborazione con lo specialista gastroenterologo, il dottor Roberto Cappuccio, è stata poi eseguita un’esofagogastroscopia, che ha permesso di intervenire con larimozione di piccoli pezzi di materiale finiti nell’esofago del malcapitato. Per estrarre, infine, i restanti grossi frammenti presenti nello stomaco, si è ricorsi all’ulteriore collaborazione dei chirurghi: il dottor Fabrizio Cimino e il dottor Michele Zaffin, della Chirurgia Generale e d’Urgenza, che sono intervenuti per via esterna, dopo l’apertura dello stomaco, fino a raggiungere e a rimuovere quanto era finito all’interno dell’organo. La parte anestesiologica è stata condotta dal dottor Tito Ellero, che ha affiancato gli interventi.

Conclusa la complessa operazione di rimozione del materiale ingerito, il paziente è stato poi trasferito nel Reparto di Rianimazione per una attenta valutazione dei parametri vitali e per la successiva estubazione, avvenuta con successo nei giorni seguenti. «Ancora un caso in cui – sottolinea il Direttore Generale dell’Ulss 3 Serenissima Giuseppe Dal Ben – all’Ospedale dell’Angelo  viene attuata una decisiva collaborazione tra équipe specialistiche diverse. Sono scesi in campo per una vita da salvare il Suem, il Pronto Soccorso, l’ORL, la Gastroenterologia, la Chirurgia, la Radiologia, gli Anestesisti; gli specialisti sono intervenuti insieme con il pieno supporto del personale infermieristico, per evitare anche in questo caso conseguenze infauste su una persona che nell’Ospedale ha trovato risposte rapide ed efficaci».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 21 Marzo 2017, 13:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Spacca i bicchieri e li mangia: corsa in ospedale per estrarre i frammenti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-03-21 23:32:19
Anni fa c'era un mio vicino di casa che faceva queste cose ma non lo faceva per autolesionismo ma solo per esibizionismo. Al bar, si metteva sopra una tavola e poi, attirando l'attenzione dei presenti, prendeva un bicchiere, soprattutto quelli fini di birra e staccava coi denti pezzi di vetro cominciando dal bordo superiore, poi li masticava ed inghiottiva tutto. Mi ha spiegato il trucco: bastava frantumarli per bene con i molari ed il vetro diventava sabbia. Ho provato pure io, per curiosità, a fare la stessa cosa con un pezzettino di vetro e masticandolo bene con i molari, si è tutto frantumato in sabbia. Difatti il vetro non è altro che sabbia pietrificata.
2017-03-21 18:52:51
e chi paga? vuoi vedere che anche questo me costa un tocco della mia pensione.
2017-03-21 18:18:14
grande intervento da parte di team di professori e tecnologia...grande Elogio a Loro
2017-03-21 17:41:56
Scommettiamo????
2017-03-21 16:49:20
Shock room...total body...parlare italiano eh no, ci mancherebbe altro.