Duplice omicidio premeditato nella notte: lei soffocata lui bastonato

PER APPROFONDIRE: duplice omicidio, mestre, notte
Duplice omicidio premeditato nella notte: lei soffocata lui bastonato
MESTRE - Una cena casalinga in via Abruzzo a Chirgnago tra amici in una afosa notte di giugno si è trasformata in un nuovo caso di duplice omicidio a sfondo passionale. Le vittime sono un giovane ingegnere napoletano di 31 anni, Biagio Junior Buonomo, e la sua fidanzata russa di 30, Anastasia Shakurova. La mano che li ha uccisi è quella dell'ex compagno di lei, Stefano Perale, 50 anni, un docente formatore, e il luogo in cui si è consumato il delitto è proprio l'appartamento di proprietà dell'uomo, al primo piano di una palazzina degli anni '90, decorosa e ordinata, in via Abruzzo, una strada dell'immediata periferia di Mestre. È stato lo stesso Perale, in stato confusionale, a chiamare in piena notte la Polizia e confessare: «venite ho ucciso due persone». Quando gli agenti sono arrivati, i segni della carneficina erano ancora evidenti, a partire dalla grande macchia di sangue all'ingresso del condominio. L'uomo ha prima fatto bere alla coppia una sostanza narcotizzante, mescolata alle bibite servite a tavola, e poi li ha finiti. Si è accanito prima sulla sua ex, una bella ragazza dai lunghi capelli castani che aveva studiato all'Università Ca' Foscari di Venezia, soffocandola in camera da letto, forse con un fazzoletto premuto a lungo sul volto, e poi ha rivolto la sua rabbia contro il "rivale", colpito a sprangate in cucina e finito, secondo una ipotesi, proprio nell'atrio del palazzo, raggiunto in un disperato tentativo di fuga. Poi si è costituito.



Verso le 11 è giunta la madre dell'omicida: alcuni vicini l'avevano avvertita di aver notato varie auto della Polizia davanti alla casa del figlio e per accertarsi dell'accaduto si è presentata in casa, accompagnata da un parente, venendo a scoprire che il figlio era stato arrestato.
Nessuno nel condominio si sarebbe accorto di nulla. Un residente ha descritto il presunto omicida come una persona tranquilla: «Lo vedevo sempre solo».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 18 Giugno 2017, 10:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Duplice omicidio premeditato nella notte: lei soffocata lui bastonato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-06-19 05:55:00
Caro Purista,hai perfettamente ragione ma devo dissentire un pó, vanno anche con i bavosi basta che abbiano un fantastico conto in banca...
2017-06-18 22:46:17
Enricosecondo concordo... ormai siamo razza in via di estinzione... tra un po' ci metteranno in una gabbietta, come i panda...
2017-06-18 21:09:44
@ enricisecondo non capisco la tua ossessione per la provenienza delle persone, e comunque l'assassino: Perale è un cognome veneto al 100%
2017-06-18 20:16:50
50 anni l'assassino, 30enni le vittime, cosa credeva? Le donne dell'est giovani mica vanno tutte con i vecchi bavosi...
2017-06-18 18:02:13
enricosecondo hai ragione, di veneto resta poco,ormai il 90% sono importati