Manuela e Freddy a Padova
un racconto pieno di "buchi"

di Raffaella Ianuale

CAMPONOGARA - Tutte le incongruenze di Manuela Cacco, la tabaccaia coinvolta nell’omicidio di Isabella Noventa. Gli orari che non tornano, i tragitti che non corrispondono, le dichiarazioni contrastanti. Manuela Cacco ha raccontato di essere andata a casa di Freddy perché avevano appuntamento alla sala da ballo Relax, ma lui non si era presentato. «Ho suonato il campanello di casa. Dopo pochissimo ha aperto la porta e si è affacciato - ha detto la Cacco quando non era ancora indagata agli inquirenti -. Gli ho chiesto cosa avesse, visto che non era ancora venuto al Relax. Lui mi ha aperto il cancello e mi ha detto di essere in bagno, pregandomi di aspettarlo per qualche minuto. Sono entrata con l’auto nel vialetto dell’abitazione e sono rimasta all’interno dell’auto per aspettarlo. Dopo circa cinque minuti Freddy è arrivata ed è salito sulla mia macchina, dicendomi che non aveva voglia di guidare. Intorno a mezzanotte e 40 ci siamo spostati in direzione Padova e siamo giunti al Relax all’una meno cinque»...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 24 Febbraio 2016, 12:01





Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manuela e Freddy a Padova
un racconto pieno di "buchi"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2016-02-26 10:55:23
Fredy non vuole dire dov'è il corpo di quella povera ragazza ?Portatelo una notte alla Lubjanka,vi dirà anche i numeri del superenalotto !