Dopo 70 anni Friselle chiude i battenti
«Ma almeno non ho ceduto ai cinesi»

PER APPROFONDIRE: cessione, friselle, negozio, venezia

di Daniela Ghio

Dopo 70 anni di attività ha chiuso i battenti il negozio di materiale elettrico e forniture elettriche industriali Friselle in campo Santa Margherita. Dallo scorso 30 dicembre un cartello avvisa che sono in corso lavori di ristrutturazione e ben pochi veneziani hanno capito cosa celi invece l'avviso: fino agli ultimi giorni i commessi e lo stesso titolare, Paolo Friselle, hanno tenuto nascosta la cosa. Giovedì la cessione davanti a un notaio del negozio a una famiglia veneziana, titolare dell'attività a fianco "Di Pol centro casa". «Negli anni ho avuto offerte da varie imprese, soprattutto cinesi, di rilevare la mia bottega - spiega Paolo Friselle - ma le ho sempre rifiutate perchè avrebbero mutato il tipo di attività. Ho invece cambiato idea quando mi hanno contattato Nicola e Simone Rumonato, assicurandomi la tutela della venezianità e dei residenti». Friselle si dichiara contento: non gli piaceva l'idea di vedere il suo negozio trasformato in bar o ristorante.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 10 Gennaio 2016, 16:18





Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dopo 70 anni Friselle chiude i battenti
«Ma almeno non ho ceduto ai cinesi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2016-01-11 08:02:03
Nel mio paesello ben 3 bar rilevati da cinesi.La clientela è sempre la stessa o si è frazionata.Gli avventori Hanno il vntaggio di bevute low cost e di poter parlare in varie lingue , tanto gestore e cameriere non vanno oltre il gergo delle ordinazioni e dell'incasso.Poi con una consumazione si occupa un tavolino per ore ed ore , tenedo sotto controllo la piazza o il portico.Ultimamente è apparso un cartello in ottimo italiano e pure sottotitolato in altre lingue: "Le consumazioni al tavolo vanno pagate subito, si deve ordinare ogni 30 minuti."Inutile dire che gli stanziali si sono spostati altrove come i piccioni. In altra zona mio figlio ha chiesto dove fossero le chiavi a Brugola, ma il gestore cinese non capiva.Mio figlio allora, trovando mediazione in inglese, gli ha consigliato di assumere commesso/a italiani.( con la speranza di essere assunto )Risultato: ripassato pochi giorni dopo, c'era cassiera avvenente e parlante lingua Italiana,Inglese e Slovena, data la collocazione di confine.