Il vescovo "attacca" il comitato
No deposito gpl: "Dove eravate prima?"

PER APPROFONDIRE: chioggia, comitato, deposito, facebook, gpl, vescovo
Il vescovo "attacca" il comitato  No deposito gpl: "Dove eravate prima?"
CHIOGGIA - Più volte tirato per la tonaca, il vescovo di Chioggia, Adriano Tessarollo, prende le distanze, via facebook, dalla polemica sul deposito di gpl a Val da Rio. «Non condivido certi termini apocalittici - scrive il vescovo - come definire l’impianto ‘una bomba’. Perché allora tutte le autorità hanno dato le autorizzazioni? E comunque perchè ci si sveglia solo adesso? Dov’erano i ‘salvatori della patria’, prima?». Tessarollo bacchetta poi le modalità della raccolta di firme da parte del comitato No gpl. «Certe sottoscrizioni, ottenute per indottrinamento, mi convincono poco. I problemi seri non si decidono con la propaganda». «Invito tutti - conclude il vescovo - a guardare più in profondità. Potrebbe emergere che le ‘bombe’ stanno altrove ovvero dove sta la radice di quest’opera e presso chi ne ha interesse. C’è qualcuno che ci guadagna, concedendo spazi pubblici?»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 14 Novembre 2016, 13:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il vescovo "attacca" il comitato
No deposito gpl: "Dove eravate prima?"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-11-15 10:16:41
Dovevano intervenire prima ? prima di che cosa ? in base a che ? la chiesa ha interessi ovunque e pensa solo a mammona.
2016-11-14 15:20:55
Questo Vescovo mi piace: la sua bordata sui giudici che completano il lavoro dei ladri ha aperto gli occhi a molti e avra' spostato quache milione di voti. Nel caso del deposito gpl sta semplicemente ragionando con la sua testa sulla base di elementi concreti, indifferente ai venditori di ideologia fritta (quelli trombati anche a Venezia...!)