Rubano le pile dell'apparecchio
acustico alla compagna sorda

Rubano le pile dell'apparecchio  acustico alla compagna sorda
VENEZIA, 21 GEN - Bulli a scuola senza scrupoli, senza il minimo rispetto per la compagna portatrice di disabilità: dopo il caso della 12enne che ha tentato il suicidio perché tormentata dai compagni teppisti in classe, stavolta arriva dal Veneziano una nuova storia di angherie che si è conclusa con una denuncia contro ignoti ai Carabinieri. 

IL CASO
Una bambina sorda per due volte si è vista rubare in classe le batterie del suo apparecchio, non permettendole così di seguire le lezioni. La piccola frequenta la quinta elementare in una scuola della Riviera del Brenta. Secondo il genitore si tratterebbe della seconda volta che alla figlia vengono rubate le tre pile che le permettono di alimentare il suo apparecchio cocleare. È stato proprio lui a raccontare l'accaduto in un post su Facebook. «Sono molto indignato - scrive - e mi rendo conto a che basso livello sia arrivata l'educazione dei nostri figli, spero (ma ho dei seri dubbi) che episodi del genere cessino visto che ho presentato denuncia». Per la dirigente scolastica «quello che è successo è grave. A noi risulta - sottolinea - che la bambina in questione si sia ben inserita nella classe e non si siano mai verificati episodi di bullismo».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Gennaio 2016, 12:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rubano le pile dell'apparecchio
acustico alla compagna sorda
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2016-01-23 12:38:07
Vigliacchi, forti con i deboli, parassiti falliti del domani
2016-01-22 00:05:24
Maestri professori e presidi si farebbero uccidere piuttosto che ricercare e segnalare i bulli.. troppa paura di denunce da parte dei genitori dei pargoli... Un metodo semplice che non si usa più è dire o viene fuori il colpevole o tutta la classe (tranne la bimba naturalmente) sospesa per una settimana, 5 in condotta e quindi tutti bocciati. Il giorno dopo ipargoli a manina con i bravissimi genitori in fila davanti all'ufficio del preside...
2016-01-21 18:26:39
... questi sono i virgulti ( germogli ) di un albero ammalato. s'identifichi quell'albero ed avremo i veri responsabili..
2016-01-21 17:53:40
E' colpa solo dei genitori, ci sono ragazzi che vanno a scuola con martelli, cacciavite grandi, oggetti atti a offendere, i genitori più volte chiamati dalla preside non si sono mai presentati. Il sistema scolastico è impotente di fronte a queste aggressioni ( sono rappresentante di classe ), perchè i primi a difendere i bulli sono proprio i loro genitori che dovrebbero essere i primi educatori.
2016-01-21 14:43:59
la ragazzina deve aver visto per forza chi le ha tolto le pile. ho le protesi anch'io e mi accorgo subito se qualcosa non va. che faccia nomi e cognomi e se chi la deve tutelare non ci sente si parte con la denuncia.