Arrestato ex vicesindaco e leader
del comitato "Diritti del cittadino"

Ileno Bronzin
CAORLE - Ileno Bronzin, ex-vicesindaco di Caorle (Venezia)  e presidente dell'Associazione e Comitato per la difesa dei diritti del cittadino, è stato arrestato oggi: dovrà scontare 3 mesi di detenzione domiciliare. La misura, comminata dal Tribunale di Bolzano, è legata a un procedimento per il quale il politico era imputato per minacce; i fatti  risalivano al 2010.

La condanna è diventata definitiva e lunedì pomeriggio i Carabinieri di Caorle hanno provveduto alla notifica e all’arresto. In questi anni Bronzin è stato protagonista di varie  vicissitudini giudiziarie e, in qualità di presidente dell'associazione, di proteste anche clamorose in molte province del Nordest.

Tutti i particolari nel Gazzettino di Venezia-Mestre del 2 marzo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 1 Marzo 2016, 20:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Arrestato ex vicesindaco e leader
del comitato "Diritti del cittadino"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2016-03-02 10:12:56
1.3.2012: TARZO - Violenza privata, danneggiamento aggravato ed ingresso abusivo di un fondo altrui in concorso: questi i reati contestati a sette attivisti dell'associazione ?per la difesa dei diritti dei cittadini? (con sede a Caorle) arrestati mercoledì sera dai carabinieri a Tarzo, in un podere della frazione di Prapian. Ai domiciliari sono finiti Nicolo' Varaschin, 61enne di Nervesa ed ex proprietario del terreno, il figlio 34enne Sandro, il presidente dell'associazione che ha sede a Caorle, Ileno Bronzin di 62 anni oltre ad altri quattro attivisti, B.S. un 64enne di Dolo, R.T. un 56enne di Treviso, F.T. un 46enne di Nervesa e G.T. un 62enne di Follina. La vicenda di questo podere di Prapian dura ormai da diversi anni. Nicolo' Varaschin, dopo averne perso la proprietà in seguito ad un fallimento, non si è mai arreso: cinque anni fa per cercare di mantenerne il possesso sistemo' due cavalli all'interno dell'area, acquisita nel frattempo da un'azienda di Villorba che aveva provveduto a piantare alcuni vigneti. La presenza dei due animali ha provocato non pochi problemi ai residenti della zona: gli animali, liberi, si avvicinavano spesso alla strada. Dopo varie ordinanze del sindaco Gianangelo Bof sempre disattese da Varaschin, il Comune aveva emesso un provvedimento con scadenza alla mezzanotte di mercoledì. L'ordinanza costringeva Nicola Varaschin a mettere in sicurezza gli animali: senza un suo intervento gli animali sarebbero stati sedati e trasportati in un maneggio. Mercoledì pomeriggio proprio per scongiurare questo intervento il gruppetto capeggiato da Ilenio Bronzin e l'ex proprietario ha tentato di spostare i due cavalli in una zona recintata del podere. Il tentativo dell'associazione si è però concluso malamente con l'arresto dei sette attivisti.
2016-03-02 10:08:16
No, non si sono spalancate le porte del carcere, si e' chiusa la porta di casa. E poi, altro che diritti umani... Luglio 2011: Con grosse spranghe di ferro hanno picconato violentemente il muro di cinta di una casa, distruggendolo in pochi minuti. Finiscono in manette Ileno Bronzin, 61 anni, ex vicesindaco di Caorle e altre tre persone: S.B., 64 anni, di Dolo, R.B., 51 anni, di San Marco di Carmine (Vr) e una donna, C.R., 41 anni di Nervesa della Battaglia. I quattro sono stati arrestati dai carabinieri di Caorle per il reato di danneggiamento aggravato e violenza privata in concorso.
2016-03-02 10:01:04
Mi pare pi√Ļ che giusto: √® un pericoloso delinquente che chiede il rispetto dei suoi diritti!
2016-03-02 09:52:42
ma chi aveva minacciato?
2016-03-02 06:40:17
la legge è uguale per tutti si insomma quasi certo che se sei dei centri sociali............