Aggredita la notte di Capodanno da un magrebino che voleva violentarla

Campo San Geremia

di Tullio Cardona

VENEZIA - Aggressioni di Capodanno: anche una veneziana è sfuggita ad un malintenzionato straniero. Dopo la turista tedesca di 42 anni, verso la quale un magrebino ha tentato violenza sessuale nell'atrio di un palazzo, fortunatamente poi salvata da un veneziano che rincasava, un altro extracomunitario, sembra anche lui magrebino, ha aggredito una 29enne, residente nella zona di fondamenta degli Ormesini, ma domiciliata fuori città.
La notizia è trapelata solo ieri, dopo la denuncia alle forze dell'ordine il 2 gennaio. La ragazza era di ritorno da una festa all'F30, nei pressi della stazione ferroviaria. Erano circa le 5 del mattino e, verso campo san Geremia, la giovane è stata avvicinata da quello che nella denuncia si definisce presumibilmente magrebino, alto e magro. L'uomo l'ha fermata con la scusa di chiederle un'informazione, ma poi ha cominciato a seguirla verso gli Ormesini. Ad un certo punto l'ha afferrata e tenendola ferma si è sfilato la cinta dei pantaloni. Con questa ha stretto la ragazza al collo, non si sa se per tentare di strangolarla o comunque per bloccarla. Dopo un attimo di smarrimento, ha reagito divincolandosi, anche perché per buona sorte l'alto bavero del giaccone non permetteva del tutto la stretta e faceva scivolare la pelle della cintura. La ragazza, dopo una breve colluttazione, si è allontanata correndo e gridando al fuoco, al fuoco, come le è stato insegnato, dal momento che l'allarme risulta più efficace del tradizionale al ladro e può richiamare dalle finestre persone preoccupate per la loro incolumità. Così è stato: qualche finestra si è illuminata e, anche per il sopraggiungere dal lato opposto della strada di un passante richiamato dalle invocazioni di aiuto, l'assalitore si è velocemente dileguato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Gennaio 2017, 13:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Aggredita la notte di Capodanno da un magrebino che voleva violentarla
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-01-15 11:55:32
Una cosa di cui non si è tenuto conto...gridare al fuoco a Venezia, è il peggiore allarme che si possa urlare...in altre città o zone le reazioni possono essere di tutti i tipi...a Venezia scattano tutti gli allarmi possibili....
2017-01-14 12:46:03
@Sentichescioco no no per carità,non è mia intenzione criticare il suo pensiero. Per quanto ne sappiamo magari i suoi dubbi sono fondati. Era solo per spiegare il perchè dell'urlare al fuoco ,ecco tutto. Un saluto a lei.
2017-01-12 09:58:27
@RedFoxy, lei ha perfettamente ragione sulla potenzialità del richiamo all'attenzione generale usando la frase " al fuoco" anzichè il generico "aiuto". Mi permetta però di nutrire qualche dubbio sulla storia della ragazza che alle 5 di capodanno se ne va sola per le calli di Venezia e viene importunata da un magrebino con dovizia di particolari come descritto nell'articolo e come prima richiesta d'aiuto durante un tentativo di violenza si mette a urlare " al fuoco". Ovvio che dissentire sulla veridicità di questa storia scatena commenti contrari al mio, e ci mancherebbe altro, ma rimango tuttavia della mia opinione. Un saluto.
2017-01-12 09:08:03
...Brignano .. pensaci tu ... hai promesso sicurezza prima delle elezioni ... facce vede' ....
2017-01-11 22:39:36
@ agner @ simondsen : o anche delle ginocchiere con puntale tipo elmo prussiano