​Un “invito” ai profughi a tornare
a casa: affissi finti cartelli stradali

​Un “invito” ai profughi a tornare  a casa: affissi finti cartelli stradali

di Paola Treppo

REMANZACCO (Udine) - Giallo in Friuli per un raid anti-profughi. Nei giorni scorsi sono comparsi diversi finti cartelli stradali che sottintendono, da parte di persone rimaste ignote, l’“invito” ai profughi di nazionalità afghana e pakistana a tornare nelle loro terre natie. Sono stati segnalati da diversi residenti e passanti e sono stati rimossi dai dipendenti del comune.

Erano in stati realizzati in cartone, molto simili a quelli veri, e recavano le indicazioni, con tanto di distanza chilometrica, tra il Friuli e lo Stato del Pakistan, e dal Friuli all’Afghanistan, rispettivamente di 4739 km e di 5093 km. I segnali, tre in tutto, sono stati affissi in prossimità dell’area shopping “Torre”, nel territorio del comune di Remanzacco.  
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 14 Febbraio 2016, 12:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
​Un “invito” ai profughi a tornare
a casa: affissi finti cartelli stradali
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2016-02-15 12:58:27
ma non volevano andare tutti in Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia e qui erano solo di passaggio?
2016-02-15 08:54:26
Perchè solo afgani e pakistani? L'invito va rivolto a tutti.Nessuna discriminazione è ammissibile.
2016-02-14 22:37:06
Viva il Veneto Libero e indipendente
2016-02-14 18:58:52
Strano che non ci sia ancora qualcuno che si sia offeso per questo fatto e chiamato questi buontemponi "delinquenti, razzisti o che altro"
2016-02-14 18:45:46
mi sembrava una cosa ben fatta