La moglie del bandito ucciso
da Stacchio occupa la casa Ater

di ​ Paolo Calia

TREVISO - «Voglio dare un futuro diverso ai miei figli. E da qui non me ne vado». Cristina Albini, moglie di Albano Cassol, rimasto ucciso nel febbraio scorso dai colpi sparati dal benzinaio vicentino Graziano Stacchio mentre stava partecipando a una rapina in gioielleria Nanto, lancia il guanto di sfida a Ezio Dan, sindaco di Fontanelle.


Graziano stacchio - Il Gazzettino.it 


Da mercoledì occupa abusivamente un appartamento Ater di via Bornia nella frazione di Lutrano. Un appartamento al primo piano del civico 56, completamente inagibile. L'Ater avrebbe dovuto sistemarlo per poi metterlo a disposizione del Comune che ha già programmato di destinarlo a una famiglia in graduatoria per le case popolari. Cristina, con quattro dei cinque figli, c'è entrata di nascosto. Ha approfittato di una finestra aperta sul retro. Si è infilata dentro, ha aperto la porta e fatto entrare la prole. Con lei ci sono il figlio maggiore di 19 anni, poi quelli di 8, 5 e l'ultimo nato che compirà un anno a giugno...

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 19 Marzo 2016, 09:15





Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La moglie del bandito ucciso
da Stacchio occupa la casa Ater
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 32 commenti presenti
2016-03-19 09:23:27
non è una colpa del sindaco se suo marito non era uno stinco di santo...Umano aiutarla,ma se si può e quando si può
2016-03-19 09:33:51
Ottimo inizio per il futuro dei figli. Certamente imboccheranno la strada giusta... O piû comoda.
2016-03-19 10:22:45
Il peggio è che se non si interviene con fermezza subito questo crea un precedente che dalle nostre parti è un fenomeno poco diffuso quello di occupare le case, ora ruberanno la corrente poi l'acqua ....e qualcun altro prenderà ad esempio il gesto
2016-03-19 10:40:26
i figli dovrebbero essere datti in affido e lei dovrebbe andare in carcere per favoreggiamento, altro che aiuto e casa ater, in un paese civile funziona così, in italia no, perché?
2016-03-19 10:44:00
Chi era in graduatoria per quell'appartamento non ha diritti? Potevate fare meno figli e suo marito poteva trovarsi un lavoro onesto, non comprarsi un fucile e andare a rapinare. Lei non ha nessun diritto, ha solo il dovere di tacere! 19 anni? ci pensi lui alla famiglia!