Imprenditore multato: per l'Inps
è un evasore ma non per i giudici

PER APPROFONDIRE: evasione fiscale, inps, ritardo, sentenza, treviso

di Mattia Zanardo

TREVISO - «Un ritardo nella comunicazione, dovuto a un errore» la giustificazione dell’azienda. Per l'Inps, invece, si trattava di un tentativo di evadere il pagamento dei contributi previdenziali. E di conseguenza ha "multato" la società. Il giudice, però, dà ragione all'impresa, che ha sede nella Pedemontana trevigiana ed è specializzata nel settore del vetro. All'origine della contestazione, la comunicazione relativa al mese di marzo 2013. Primo inghippo: il professionista trevigiano, in quel periodo è alle prese con un grave problema di salute e a seguire le pratiche è una collaboratrice del suo studio. Secondo elemento: l'Inps ha da poco modificato le procedure telematiche per l'invio del cosiddetto modello Uniemens. L'impiegata, abituata al vecchio sistema, è convinta di aver effettuato correttamente l'operazione. Solo il 14 maggio, un paio di settimane dopo la scadenza, secondo la ricostruzione dello stesso Artico, si accorge della mancata ricezione, regolarizzando la posizione. Per l'ente previdenziale, la mancata comunicazione, invece, avrebbe avuto lo scopo di occultare i rapporti di lavoro in essere e le retribuzioni erogate. E per questo addebita, tramite Equitalia, una maggiorazione del 30%: 2.370,60 euro...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 12 Febbraio 2016, 17:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Imprenditore multato: per l'Inps
è un evasore ma non per i giudici
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2016-02-12 19:28:05
A gazzetì, non è per i Giudici, è per la legge.
2016-02-12 19:49:39
quando fa comodo è per la legge ma quando non fa comodo è colpa dei giudici. se ha sbagliato deve pagare. questa è la legge. se poi il giudice come al solito ti rigira la frittata allora è come quello che assolve e fa diventare ricco il ladro.
2016-02-13 01:53:58
dio mio che idiozia. In una civile EUROPA sarebbe stato convocato e richiesto chiarimenti, e tutto si sarebbe risolto. Qui, NO. Siamo all'epoca dei Borboni. VERGOGNATEVI.
2016-02-13 09:23:14
copppertone - sbagliare si può. Evadere è una cosa, sbagliare è un altra. Capisco essere inflessibili, ma anche l'Inps spesso sbaglia e non paga? Un mese di ritardo in una comunicazione, poi sistemata d'iniziativa non mi sembra una cosa da sanzionare.