«Sergio c'è un ladro»: faccia a faccia
con il commando in villa

«Sergio c'è un ladro»: faccia a faccia  con il commando in villa
«Sergio c'è un ladro»: faccia a faccia
con il commando in villa

di Nicola Cendron

SILEA - Sono entrati nella villa nel cuore della notte, rubando gioielli e preziosi per un bottino di oltre 40mila euro. Un’esperienza terrificante quella vissuta attorno alle 4.30 del mattino da Sergio Pasqualini, imprenditore trevigiano titolare della Gifiex di Roncade, che vive con la famiglia a Silea. Ad agire è stata una banda composta da tre persone che da tempo avevano messo nel mirino l'abitazione dell'ex presidente del Treviso basket femminile. I malviventi hanno messo ko con dei bocconi avvelenati i due cani presenti all'esterno della villa. Una volta all'interno della villa hanno passato al setaccio ogni stanza, fino ad arrivare al piano superiore dove l'imprenditore stava dormendo nella sua stanza con la moglie. La torcia elettrica ha svegliato la moglie dell’imprenditore: «Sergio c'è un ladro!», ha urlato al marito...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 22 Gennaio 2016, 11:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Sergio c'è un ladro»: faccia a faccia
con il commando in villa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2016-01-22 12:07:17
Doveva fargli il baciamano e ringraziarli e di essere molto della loro presenza.Cosichè forse non rischia la denuncia aver disturbato il prossimo durate la loro normale attività.
2016-01-22 12:12:48
A quando delle pese esemplari per questi personaggi venuti da fuori che terrorizzano gli onesti lavoratori che si fanno un mazzo tanto? In questo caso... DOVE SONO GLI ANIMALISTI???
2016-01-22 13:06:09
di fronte a questi casi e a tanti altri simili,dobbiamo reprimere i nostri sentimenti o qualcuno ,almeno masticato tra i denti,possiamo esprimerlo?
2016-01-22 13:20:20
Che commando, quale commando,
2016-01-22 14:42:11
La nostra insicurezza... è solo una "sensazione" dicono i catto-comunisti benpensanti.