Lezione coi profughi in cattedra
Genitori in rivolta: «Figli a casa»

PER APPROFONDIRE: paese, profughi, scuola, treviso
Lezione coi profughi in cattedra  Genitori in rivolta: «Figli a casa»

di Mauro Favaro

PAESE - Famiglie in rivolta contro le lezioni sui profughi alle medie Casteller. La preside Paola Rizzo ha avvisato le famiglie dell'avvio di una serie di incontri sull'immigrazione, con annessa testimonianza diretta di due richiedenti asilo, solo attraverso una circolare arrivata all'inizio della settimana. A molti genitori la cosa non è affatto piaciuta. E ora sono pronti a tenere a casa i propri figli. A partire da oggi, giorno della prima lezione. L'iniziativa non è andata giù nemmeno al Comune, ormai ai ferri corti con la preside. Mercoledì l'assessore Katia Uberti, subissata dalle proteste delle famiglie, le ha espresso tutta la sua contrarietà sulla mancata condivisione con i genitori. Ma Rizzo è andata dritta. «Qui siamo stati pesantemente toccati da alcuni episodi riguardanti profughi. Non si può far finta di nulla - spiega l'assessore - i titoli degli incontri sembrano quelli del progetto della Caritas per ospitare profughi nelle case...»...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 4 Marzo 2016, 08:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Lezione coi profughi in cattedra
Genitori in rivolta: «Figli a casa»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 61 commenti presenti
2016-03-04 08:29:18
ci mancava pure questa,continuiamo così che siamo ridicoli
2016-03-04 08:31:54
Perché non li fate incontrare i nostri disabili o i disoccupati che magari potrebbero insegnare qualcosa su come sarà il loro futuro?
2016-03-04 08:33:00
completamente solidale con i genitori; e comunque se qualche straniero "perseguitato" deve essere invitato a parlare dovrebbe godere dell'asilo politico; in caso contrario che li invitino pure ma la lezione a mio avviso dovrebbe essere facoltativa, come l' ore i religione.
2016-03-04 08:40:19
Vergognati assessore..portali a casa tua..forse è meglio
2016-03-04 08:45:06
Hanno ragione i genitori: basta con queste commedie con i profughi. La scuola deve insegnare, non predicare. Vogliono aiutare i profughi? Benissimo; nel pomeriggio, quando la scuola è chiusa, sono liberissimo di fare quello che vogliono. Ma in orario di scuola si insegnano le materie in programma. E se io voglio mandare mio figlio a sentire le prediche lo mando a messa la domenica.