Lezione coi profughi in cattedra
Genitori in rivolta: «Figli a casa»

PER APPROFONDIRE: paese, profughi, scuola, treviso
Lezione coi profughi in cattedra  Genitori in rivolta: «Figli a casa»

di Mauro Favaro

PAESE - Famiglie in rivolta contro le lezioni sui profughi alle medie Casteller. La preside Paola Rizzo ha avvisato le famiglie dell'avvio di una serie di incontri sull'immigrazione, con annessa testimonianza diretta di due richiedenti asilo, solo attraverso una circolare arrivata all'inizio della settimana. A molti genitori la cosa non è affatto piaciuta. E ora sono pronti a tenere a casa i propri figli. A partire da oggi, giorno della prima lezione. L'iniziativa non è andata giù nemmeno al Comune, ormai ai ferri corti con la preside. Mercoledì l'assessore Katia Uberti, subissata dalle proteste delle famiglie, le ha espresso tutta la sua contrarietà sulla mancata condivisione con i genitori. Ma Rizzo è andata dritta. «Qui siamo stati pesantemente toccati da alcuni episodi riguardanti profughi. Non si può far finta di nulla - spiega l'assessore - i titoli degli incontri sembrano quelli del progetto della Caritas per ospitare profughi nelle case...»...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 4 Marzo 2016, 08:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Lezione coi profughi in cattedra
Genitori in rivolta: «Figli a casa»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 60 commenti presenti
2016-03-05 01:30:08
x in vino veritas 2016-03-04 14:46:48 - Forse non sono stato chiaro, il mio diniego non va contro gli stranieri, non conoscendoli, ma verso chi ha predisposto questa situazione anomala e contraria alle regole della scuola. Questa "lezione" in questi tempi non proprio tranquilli, presuppone scarsa preparazione di chi l'ha disposta o in alternativa, peggio ed evito di specificare. Saluti.
2016-03-04 17:52:33
Apri la mente ottusangolo e leggi : VENEZIA - Stranieri e spacciatori. Il binomio, più che il frutto di pregiudizi a sfondo razziale, è il risultato statistico che emerge dalla relazione annuale 2014 preparata dalla Direzione Centrale dei Servizi Antidroga, diretta dal generale dei carabinieri Sabino Cavaliere. Ciò vale per il Veneto, dove gli stranieri solo il 59,31% dei denunciati, a fronte del 35,91% della media nazionale. Uno scarto di 23 punti, equivalente al 63 per cento in più rispetto al resto dell?Italia che dimostra come, almeno nel tessuto criminale regionale, sei spacciatori su dieci siano provenienti dall?estero. La relazione disegna un quadro a tinte fosche. così su due piedi
2016-03-04 15:49:30
dopo la mancata "lezione di sottomissione" dell'IMAM in occasione della "Festa Della Donna" per l' "otto marzo"..
2016-03-04 14:51:36
Ma secondo lei questi personaggi furbastri, abituati a tutti i sotterfugi e ad andare in giro senza documenti, ci vengono a raccontare la verità?
2016-03-04 14:46:48
@ Franco-tv 2016-03-04 14:03:01 Franco che male ( indottrinamento , sagra del cous cous e altre amenita' che ho letto nei commenti) possono fare 2 ragazzi che raccontano la loro storia .... non ho bisogno di conoscere le ragione dell'insofferenza perche' e' una sola la ragione : L'IGNORANZA .... nel senso letterale ..... tanti sono -dici tu - insofferenti, senza mai e dico MAI aver parlato assieme con una e dico UNA di queste persone .... non venire a far lezione a me su chi ha bisogno e chi no ...stai tranquillo ci ha gia' pensato la VITA a darmele ...l'unica maestra che abbiamo ...alla prossima stai sereno