Podista travolto da un'auto mentre
corre: finisce nel fosso e muore

PER APPROFONDIRE: gaiarine, incidente, podista
GAIARINE - Gianni Bressan, imprenditore agricolo 45enne e appassionato podista, è stato investito ieri attorno alle 19 a Gaiarine in via Terraglio. L'uomo stava correndo lungo la strada quando è stato travolto da un'auto. Al momento non si conoscono le generalità: si sa solo che ha attorno ai 35 anni. Bressan, che abitava a Orsago, è stato sbalzato nel fosso: a prestare i primi soccorsi alcuni automobilisti, ma l'uomo è deceduto praticamente sul colpo. Inutile l'arrivo dell'ambulanza del Suem. Bressan era un talento a livello agonistico e gareggiava per i colori dell'Atletica Aviano.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 15 Febbraio 2016, 20:19





Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Podista travolto da un'auto mentre
corre: finisce nel fosso e muore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2016-02-15 20:55:51
Un podista deve correre sempre a sinistra se non ci sono marciapiedi o piste ciclabili. In ogni caso meglio mettersi un giacchino rifrangente o striscie dello stesso tipo. Bisogna poi stabilre come è capitato l'incidente. Poverino che riposi in pace!
2016-02-15 21:24:41
Pioveva, buio, correva a destra? Aveva catarifrangenti? Automobilista distratto?! Tutto concorre alla disgrazia.-
2016-02-16 05:40:23
spero che chi lo ha travolto lo avesse almeno visto perche alle volte ci sono delle personeche ti capitano fuori dal nulla ......bisogna avere cento occhi ma meglio sarebbe correre dove non ci siano le macchine che poi penso sia anche piu' salutare !
2016-02-16 05:51:39
Mi spiace per la vittima, ma correre di notte lungo una strada trafficata, per quante precauzioni uno possa prendere, significa rischiare continuamente la pelle.
2016-02-16 06:57:03
Analogo incidente a Gradisca d'Isonzo, vittima una signora gravemente ferita.Solo fatalita'? Correre ai bordi di una strada mi sembra comunque poco salutare , per realizzare il kilometraggio preventivato si puotrebbe anche ricorrere ad un circuito da ripetre x volte, ma in zona libera da mezzi a motore.respirando aria non inquinata .Comunque non sono sicuri neppure i marciapiedi: ci sfrecciano sopra ciclisti assatanati ed in vena di gimnkane e persino con bici elettriche al massimo della velocita' consentita..25 km/h sono una bella botta per se stessi ed i pedoni che non si scansano divincolandosi come toreri. Poi anche l'abbigliamento sportivo a volte non aiuta: se ne vedono di "all black" senza bande riflettenti in zone poco illuminate..