Paga la multa ma il tabaccaio sbaglia il destinatario: pensionata nei guai

PER APPROFONDIRE: errore, mestre, mogliano, multa, pagamento, tabaccaio
Paga la multa ma il tabaccaio sbaglia il destinatario: amara sorpresa per una pensionata...
MOGLIANO/MESTRE -  E.S., pensionata 74enne mestrina, ha vissuto una brutta avventura "burocratica". La storia è questa. A settembre scorso la donna, assieme al figlio, stava percorrendo il Terraglio, quando è stata bloccata da una pattuglia della polizia locale che ha rilevato, tramite i mezzi elettronici, l’assenza della revisione. Una volta rilasciati, madre e figlio, che erano ignari di quella mancanza, sono andati subito a fare la revisione e a pagare la multa il giorno stesso in una tabaccheria del Terraglio, sfruttando il 30% di sconto. Tutto a posto? Nient’affatto. Dopo qualche tempo alla pensionata è giunta da Mogliano la richiesta di pagamento di quella multa, naturalmente già comprensiva di sanzioni che da 118 euro l’anno fatta impennare a 360 euro.

Convinta delle proprie ragioni la donna oggi, assieme alla figlia, si è presentata dai vigili in piazzetta Teatro con la ricevuta del pagamento effettuato in tabaccheria lo scorso settembre. «Qui – racconta la stessa pensionata – siamo stati trattati con supponenza e arroganza. Ci hanno detto che il tabaccaio ha sbagliato perché trattandosi di polizia locale, la multa andava indirizzata al Comune di Mogliano e non alla provincia di Treviso. E la persona con cui abbiamo parlato, per nulla comprensiva, ha detto che io, pensionata ultrasettantenne, dovevo sapere che, avendomi dato la multa la polizia locale, dovevo pagarla al Comune».

«A parte che è incredibile che una multa passi in pochi mesi da 118 a 360 euro – commenta Carlo Garofolini presidente dell’Adico – importi affrontabili per chi sta bene ma che per un pensionato, come nel caso in questione, rappresentano un terzo dello stipendio mensile. Poi non si capisce in che modo la pensionata avrebbe dovuto accorgersi che il tabaccaio stava sbagliando, mandando la multa a Treviso invece che a Mogliano. Una cosa pazzesca. La totale chiusura dell’impiegata degli uffici, infine, è un atteggiamento che troppo spesso avviene nelle sedi dei vigili, come denunciano moltissimi nostri soci, e che non aiuta il rapporto con i cittadini. In questo caso la pensionata, dopo aver sborsato immediatamente i 118 euro per la mancata revisione, ne dovrebbe tirare fuori altri 360 per lo pseudo errore del tabaccaio. Ma ci rendiamo conto? Ora interverremo con forza con il nostro ufficio legale, fermo restando che questi soldi non sono dovuti. In più, ci domandiamo: i soldi inviati alla polizia municipale di Treviso, dove sono finiti? Qualcuno li avrà incamerati. E con quale causale? Ma non dialogano fra loro gli uffici? Questa è proprio una vicenda all’italiana che fa pensare e indignare».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 21 Agosto 2017, 15:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Paga la multa ma il tabaccaio sbaglia il destinatario: pensionata nei guai
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2017-08-22 22:21:40
i vigili urbani usano normalmente l' arroganza del potere.
2017-08-22 09:12:09
La cosa più schifosa è che burocrati, pagati dal cittadino, ti trattino sgarbatamente dall'alto della loro supponenza. Causa al tabaccaio e niente al burocrate ??
2017-08-22 06:39:09
Paga, SUBITO! Rimborsami... Con calma, verifichiamo, controlliamo, documentiamoci, incrocio dei dati, quarto segreto di Fatima, radice quadrata di pi greco, ecc ecc ecc...
2017-08-21 22:46:39
In un paese civile il destinatario 'errato' avrebbe immediatamente restituito l'importo oppure girato al Comune di Magliano. In un paese civile ....
2017-08-21 22:11:29
chi sbaglia paga. in questo caso il tabaccaio, con buona pace dell'adico che si è solo fatto pubblicità gratuita. sulla multa sta scritto a chi mandarla e gli estremi su cui versare i soldi.