Fiera agricola con la multinazionale degli ogm: Coldiretti sbatte la porta

La fiera di S. Lucia di Piave

di Mattia Zanardo

SANTA LUCIA DI PIAVE - Lo stand per promuovere le produzioni agroalimentari tipiche, il km zero, la tutela del made in Italy a fianco dei loghi del colosso mondiale degli ogm? Intollerabile. Così, quando ha scoperto che la Fiera dell'agricoltura di Santa Lucia di Piave ospiterà un'iniziativa con la Monsanto, la Coldiretti Treviso non ci ha pensato due volte e si è ritirata dalla kermesse. Un addio non destinato certo a passare sottotraccia. Perchè siamo alla vigilia della millenaria rassegna: quella che in programma dal 10 al 12 dicembre prossimo è la 1356a edizione di un appuntamento clou per tutto il settore primario trevigiano e veneto. E perchè la Coldiretti, oltre ad essere la maggiore associazione di categoria degli imprenditori agricoli, era presente in Fiera da almeno vent'anni.

A scatenare le ire dei vertici dell'organizzazione di categoria è un convegno, in programma lunedì 12, intitolato "Agricoltura di precisione con dekalb: i benefici nella produzione di granella e di insilato", curato proprio dalla multinazionale americana delle biotecnologie e delle sementi (nel 2015 ha fatturato oltre 15 miliardi di dollari).



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Dicembre 2016, 09:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fiera agricola con la multinazionale degli ogm: Coldiretti sbatte la porta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2016-12-06 08:48:49
l'anno scorso ero a Hilton nel South Carolina e ad una cena, un grosso agricoltore della zona, parlando della loro terra, mi disse che da due anni usava avena OGM ed era molto soddisfatto sopratutto perchè aveva risparmiato 3 tonnellate di diserbanti e 5,6 tonnellate di antiparassitari . . . . . mi vien da ridere che tanti alzano barricate contro l'OGM e poi fanno i vegetariani ed i vegani mangiando semi, farine e cereali che provengono da paesi del terzo mondo dove non esiste nessun controllo su diserbanti, pesticidi, anticrittogamici e veleni vari!!!
2016-12-03 13:45:39
mike 46, mettiti il cuore in pace. per partecipare alle fiere ci sono delle tariffe e sono pubbliche. quindi la monsanto come operatore agricolo è naturale sia presente come quelli che costruiscono trattori e quelli che si occupano di qualsiasi cosa inerente l'agricoltura. mi piacerebbe sapere invece quanto paga la coldiretti per il suo stand.
2016-12-02 20:21:36
una cosa è certa. gli agricoltori sopravvivono benissimo senza la coldiretti ma non senza la monsanto. con i prezzi che girano, che dovrebbero essere tutelati dalla coldiretti altrimenti parlano per niente, se non aumenti la produzione puoi chiudere. ed il biologico è la più grande fregatura degli ultimi anni.
2016-12-02 18:39:48
chissà quanti soldini ha pagato la Monsanto o chi per essa per essere presente alla Fiera agricola.ben ha fatto la Coldiretti a fare le valigie
2016-12-02 15:28:40
L'ennesima battaglia di retroguardia. Non nascondiamo la testa sotto la sabbia, non difendiamo l'indifendibile. Oggi i prodotti che utilizziamo sono, in un modo o nell'altro, del tutto od in parte "artefatti". Mandaranci, grano, soia, mais, pere e mele: hanno il "tocco" dell'uomo nella loro sostanza. Biologico(!?!?!?) compreso. Ci crediate o meno.