Camminare per la vita, la Compagnoni porta i big: c'è anche Schwazer

LA Compagnoni con  Schwazer (a sin nella foto) e il marito Alessandro Benetton

di Mattia Zanardo

TREVISO - In oltre 3.500, ieri pomeriggio, hanno attraversato a piedi il centro di Treviso. Ha battuto ogni record la prima edizione di Camminare per la vita, la passeggiata organizzata da Deborah Compagnoni e da un gruppo di appassionati, con il duplice scopo di promuovere il movimento e l'attività fisica e raccogliere fondi, per sostenere, tramite la Fondazione Città della speranza, il centro oncoematologico pediatrico di Padova. Tra i tantissimi, ha risposto all'appello anche una pattuglia di campioni sportivi del recentissimo passato: il pallavolista Samuele Papi (tra l'altro indimenticato ex della Sisley Treviso), il ginnasta Signore degli anelli Yuri Chechi, il calciatore Dino Baggio, l'ex primatista italiano juniores e olimpionico di salto in alto e poi preparatore atletico Paolo Borghi. Ma il nome forse di maggior effetto è quello di Alex Schwazer. Oro nella 50 km  di marcia alle Olimpiadi di Pechino 2008, il 32enne altoatesino era stato squalificato per doping alla vigilia dei successivi giochi di Londra 2012. Scontato lo stop, era tornato alla gare in vista di Rio 2016, sotto la guida di Sandro Donati, tecnico da sempre in prima linea per lo sport pulito, ma, clamorosamente, era risultato di nuovo positivo ad un test. Una positività, costatagli una seconda squalifica di otto anni, che Schwazer e i suoi allenatori hanno sempre negato.

Nonostante tutto, ragazzini e adulti fanno la fila per un selfie con lui: «L'affetto della gente rimane e questo mi dà grande soddisfazione», dice. È la sua prima volta a Treviso: «Avevo già partecipato ad una manifestazione di Sciare per la vita (la onlus fondata dalla Compagnoni, ndr) e ho apprezzato molto che Deborah mi abbia invitato». Confuso tra la folla, si mette in marcia insieme alla compagna Kathrin, spingendo il passeggino con la figlia di pochi mesi. Accetta di tornare sulla questione doping: fin da subito Schwazer e i suoi legali hanno sostenuto che i campioni siano stati manipolati per incastrarlo. «Stiamo combattendo per ricevere tutte le urine del presunto controllo positivo -ribadisce- A breve dovrebbe esserci un verdetto del giudice tedesco, perchè c'è stata una richiesta del giudice italiano di integrare la prima sentenza, dove, in pratica, ce ne consegnavano solo una parte. Ma una piccola quantità di urina già dopata in precedenza, può essere stata inserita nella mia facendola risultare positiva. Per questo è fondamentale avere l'intero campione». Difficilmente potrà tornare all'agonismo, ma Alex vuole andare fino in fondo: «Ora non c'è più l'urgenza di andare alle Olimpiadi come un anno fa, ma voglio dimostrare la mia innocenza».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 17 Settembre 2017, 05:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Camminare per la vita, la Compagnoni porta i big: c'è anche Schwazer
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-09-18 08:57:37
Per cui oggi essere stato beccato due volte e squalificato per 8 anni e normale...in più ti fanno fare anche da testimonial. Mi complimento con i Benetton!
2017-09-18 08:14:41
peccato che quel schwazer sia lo stesso che qualche anno fa è stato squalificato per doping ...!!! non esistono persone un po' più pulite quando si fanno iniziative di questo tipo?
2017-09-18 06:18:38
Tanti auguri per Alex. Ho chiesto a due compagni come fanno di punto in bianco a passare dalle operazioni sedentarie del lavoro alle escursioni del tipo Alta via dolomitica. Risposta: ci procuriamo le anfetamine.Scandalo? No, la coramina la usavano come confettino anche campioni del secolo scorso ,poi cambiarono i nomi, Pervitin, Neoton..ed il bello e' che i non agonisti non vengono sottoposti ad antidoping.
2017-09-17 21:09:45
di Schwazer non mi interessa dopato era e dopato rimane ed il contrario lo deve solo dimostrare e non proclamarlo e basta. per quanto riguarda la beneficienza la compagnoni come moglie di un benetton di soldi ne avrebbe a sufficienza per mantenere per un bel pò la città della speranza. giusto impegnarsi per far conoscere il problema ma mi pare che di aprire la loro borsa proprio non sene parli. che tra l'altro se ci mettessero dei soldi non farebbero altro che restituire quelli che hanno fregato mettendo sul lastrico più di qualche impresa veneta.