Bambino di 10 anni dona il midollo
e salva la sorellina di quattro anni

Una piccola paziende malata di leucemia

di Giampiero Maset

CONEGLIANO - Un bambino di 10 anni, che frequenta la quinta elementare in una scuola del coneglianese, è diventato un eroe. Per salvare la sorellina di 4 anni ha avuto il coraggio di donare le cellule del proprio midollo osseo, sottoponendosi a un prelievo molto doloroso. La bambina è affetta da una grave forma di leucemia. Lo ha fatto in modo discreto e silenzioso e con una disponibilità straordinaria. Il caso è venuto alla luce l'altra sera alla festa annuale del gruppo dell'Aido (l'Associazione dei donatori di organi, tessuti e cellule) di Conegliano. Alla piccola, nel dicembre dello scorso anno, era stata diagnosticata una leucemia, che la aveva colpita in modo aggressivo e lasciava poche speranze. Era necessario il trapianto del midollo osseo, ma nella banca dati non risultava nessun donatore compatibile. Dagli esami a cui sono stati sottoposti i famigliari, il bimbo è risultato un donatore compatibile. Si è offerto spontaneamente per cercare di salvare la sorellina e darle un futuro, senza la necessità di ricorrere ad alcun supporto psicologico, come avviene in genere in situazioni di questo tipo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Ottobre 2016, 16:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bambino di 10 anni dona il midollo
e salva la sorellina di quattro anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2016-10-21 12:36:18
My sister's keeper: solleva infatti varie questioni di ordine etico. E' lecito usare (o addirittura, com'è accaduto) fare un figlio per usarlo come centrale di pezzi di ricambio per un figlio nato in precedenza? L'eutanasia cosciente ..no. Ma l'uso di un figlio per salvare l'altro ...si? Ipocrisia medica e religiosa al cubo.
2016-10-20 21:27:12
ho trovato il film LA CUSTODE DI MIA SORELLA stasera su rete4
2016-10-20 15:03:01
C'è anche un bel film dove una ragazzina si è rivolta ad un avvocato perchè la madre la stava vivisezionando per curare la sorella. Cercatelo, al momento non mi viene il titolo
2016-10-20 14:57:22
CHI l'ha detto al giornalista che è "molto doloroso"??
2016-10-20 08:21:24
Sono perfettamente d'accordo con Delia, si tratta di un prelievo ed il supporto psicologico è inutile. Come ho già scritto non è traumatico né doloroso e mi spiace che sia stato descritto così nell'articolo. Sono rattristata dal commento di simondsen e vorrei vedere se fosse capitato a lei che sia, mi è sembrato un commento cinico e perdonatemi fuori luogo. Dato che ho vissuto in prima persona questo dramma so di che si tratta e parlo a ragion veduta. Un essere umano si ammala, c'è la possibilità di aiutarlo senza compromettere nulla di nulla al donatore. Lo lasciamo dunque morire? tra grande sofferenza? questa donazione è poco rispetto a quella di organi vitali e dunque perché impedirla? P.S. grazie Pacifico Arrabbiato, ha scritto belle frasi. PUBBLICATE