Tumore improvviso e devastante: due chirurghi rientrano dalle ferie per operare

PER APPROFONDIRE: chirurghi, ferie, operazione, treviso, tumore
Tumore improvviso e devastante: due chirurghi rientrano dalle ferie per operare
TREVISO - Due chirurghi dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso sono rientrati spontaneamente dalle ferie nei giorni scorsi per eseguire un'operazione d'urgenza che ha permesso di salvare un paziente 45enne, ricoverato per un improvviso e inarrestabile ingrossamento di un adenoma ipofisario (tumore benigno della ghiandola cerebrale).

Patologia che non era mai stato rilevata prima, e che già minacciava danni neurologici. L'intervento, spiega una nota dell'Usl 2, ha permesso di scongiurare danni permanenti per il malato, aprendo le porte ad un progressivo miglioramento del paziente che dopo due giorni ha lasciato la terapia intensiva per essere trasferito in reparto di degenza. Autori del tempestivo intervento sono stati i dottori Massimo Sonego, dell'otorinolaringoiatria (diretta dalla professoressa Cristina Da Mosto) e Alessandro Fiorindi della neurochirurgia (diretta dal professor Luigi Longatti).

La seduta operatoria si è protratta dalle 22.00 di sabato 5 agosto fino alle 02.40 di domenica. La sera del 5 agosto entrambi i chirurghi non erano in servizio e nemmeno reperibili (tutti e due fuori Treviso, uno a 50 chilometri dalla città). Per la loro nota esperienza ed elevata competenza nella patologia ipofisaria, ognuno nella rispettiva specialità, sono stati contattati dai colleghi in servizio per una consulenza sul caso di un paziente appena entrato in ospedale. A questo punto, durante un altro scambio di pareri telefonici, Fiorindi e Sonego hanno offerto simultaneamente la disponibilità a raggiungere in sala operatoria i pur esperti colleghi, dove tutta l'équipe era già pronta, per portare a termine con successo l'intervento. «Il dott.Fiorindi ed io - spiega Sonego - collaboriamo e facciamo abitualmente squadra per la terapia chirurgica della patologia ipofisaria; questo caso non era certamente consueto e semplice. Di conseguenza, pur consapevoli e certi della bravura e dell'esperienza dei colleghi, nel caso specifico ci siamo sentiti coinvolti in prima persona. Siamo certi che moltissimi altri colleghi, per altri campi della chirurgia, avrebbero certamente e senza problemi interrotto la cena con gli amici o i passatempi di un sabato estivo per fare esattamente quello che abbiamo fatto noi».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 17 Agosto 2017, 17:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tumore improvviso e devastante: due chirurghi rientrano dalle ferie per operare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2017-08-19 05:54:09
Se accade un incidente ..un medico anche in vacanza che si trova nei paraggi ha il dovere di intervenire qualificandosi.Se si viene a sapere che ha fatto lo gnorri ( dato che in costume da spiaggia o scarponi da montanaro si e' anonimi)sono gravi sanzioni. Invece se qualche smutandata o tatuato del bel mondo televisivo , vengono invitati a manifestazione di beneficenza per favorire qualche associazione di beneficienza della localita' dove gozzovigliano, possono astenersi..in mancanza di contratto, cachet ed esclusiva delle foto..o rispetto di contratti in esclusiva gia' firmati.
2017-08-18 19:06:27
Tanto di cappello,ma.....non hanno fatto che il loro dovere.
2017-08-18 19:45:58
Se tutti facessero il loro dovere in italia, te compreso, saremmo una nazione perfetta!! Erano in ferie, potevano staccare il cell, andare su marte e godersi le vacanze!! Ritornare dalle ferie lo chiami dovere???
2017-08-19 09:33:27
Hanno scelto la professione di medico,,,che,come tutte le professioni, ha i suoi lati belli e quelli scomodi.Il non avere spento il cellulare e l'interrompere le ferie per un'operazione urgente fa parte del dovere di un medico.....(cosi'almeno afferma mio nipote,medico cardiologo).....Lei (non TU..) il suo dovere lo fa??????
2017-08-19 10:58:20
Magari il caso ha voluto che si trovassero nei paraggi e che nn siano partiti per le Maldive.. andare in ferie è un diritto di tutti i lavoratori, medici compresi.. poi è il solito discorso.. tutti bravi a pretendere degli altri e dire che i doveri lo devono fare gli altri! Stia tranquillo nonno il mio lo faccio egregiamente, la domanda l'ho posta io e hai glissato! Per cui si goda la pensione e nn faccia lezioni morali!!