«No ai migranti, boicottiamo il don: stop a elemosina in chiesa e oboli»

«No ai migranti, boicottiamo il don: stop a elemosina in chiesa e oboli»

di ​Elisa Giraud

GAIARINE - «No all'accoglienza di migranti clandestini. Boicottiamo il parroco!» Emiliano Piovesana, imprenditore di Francenigo, ha preso in mano le redini della protesta di un gruppo di cittadini, in particolare i residenti vicino alla casa in questione ubicata proprio nel centro della frazione, contro il presunto arrivo di richiedenti asilo in paese. Ha scritto un volantino nel quale esprime la sua contrarietà all'accoglienza e suggerisce ai concittadini di boicottare quelli che lui ritiene i fautori della possibile sventura, ossia il parroco don Pietro Salvador e il privato che metterebbe a disposizione la casa per l'ospitalità. «Non fare più elemosina in chiesa né dare oboli ad un sacerdote al quale non interessano le paure e le opinioni dei paesani scrive - e che in ogni caso potrà sempre battere cassa riscuotendo gli utili generati dall'ospitalità dei migranti».




Poi si spinge sopra le righe, dando al parroco dell'estremista e paragonandolo a quelli dell'Isis. Un altro invito ai concittadini è infatti «cercare di far opera di convinzione affinché don Piero possa avere un ripensamento. Cosa che ritengo impossibile, anche quelli dell'Isis credono di fare la cosa giusta perché interpretano il Corano. Così il parroco interpreta il Vangelo a modo suo». Ma l'imprenditore ne ha anche per il privato concittadino e invita a boicottare la sua attività commerciale...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 11 Agosto 2017, 12:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«No ai migranti, boicottiamo il don: stop a elemosina in chiesa e oboli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2017-08-16 07:32:54
La solita solidarietà veneta.....bella roba......che gente....mah....vergogna...ciao.
2017-08-12 06:38:57
Cominciano a svegliarsi?Basta anche all'otto per mille.
2017-08-11 18:22:54
LA CARITà è sempre fatta dai soldi per cui il prete non rinuncia e salva la morale
2017-08-11 17:22:33
La carita si fa con i propri soldi, guadagnati lavorando e poi risparmiati. Altrimenti e solo un business. E la chiesa e la madre di tutti i business. Basta vedere quanti immobili ha e quanto denaro hanno i semplici parroci, per non parlare dei piani alti.
2017-08-11 17:21:52
In questi casi esce prepotentemente il vero cuore dei veneti. A parole son solidali ma a fatti .....hahahahahahahahaahahahhahahaaha.....poveri voi....ciao.