Alpini, maxirisse e feriti anche gravi: il raduno del Piave parte male

PER APPROFONDIRE: adunata, alpini, feriti, risse, treviso
Alpini, maxirisse e feriti, oggi grande
assalto delle Penne nere alla città
TREVISO - È entrata nel vivo la 90.Adunata degli Alpini, quella del Piave. E, nonostante la gioia e la festa, i tanti amici che si rincontrano, sotto certi aspetti questo raduno non è partito bene: ci sono già stati risse e feriti. E, considerando che stasera e domani sarà registrato l'afflusso maggiore di persone, non c'è da sperar che vada meglio.

GUARDA IL VIDEO Iroso, il più vecchio mulo alpino è arrivato in città: eccolo qua insieme al presidente della regione Luca Zaia


ALPINI "CANTANTI" - Forse non tutti sanno che “Me compare Giacometo” fosse l'inno dei veneti emigranti...


Giovedì sera a poche ore dall'apertura ufficiale, un alpino bergamasco è stato ricoverato al Ca' Foncello in gravi condizioni. È stato colpito con un pugno al volto da una penna nera trevigiana a porta Carlo Alberto, dopo una banale discussione per un paracarro preso a calci. Il bergamasco è caduto a terra battendo la testa sull'asfalto. Ora è in terapia intensiva con un'emorragia cerebrale. Nemmeno ventiquattr'ore dopo un'altra rissa al Tvburger a porta San Tomaso. Sei persone sono finite all'ospedale per una maxirissa sotto gli occhi di centinaia di persone. Secondo i testimoni si trattava di alpini, o almeno in testa portavano il classico copricapo con la penna nera.


NINNA NANNA ALPINA - A Treviso capita anche questo...


 
 




LEGGI ANCHE Spritz e grigliate a peso d'oro: il salasso si siede a tavola
 

 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 13 Maggio 2017, 08:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alpini, maxirisse e feriti anche gravi: il raduno del Piave parte male
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 59 commenti presenti
2017-05-14 10:42:22
Non solo infiltrati, ci sono anche quelli che in caserma..erano come muli nei confronti dei regolamenti.In ogni corpo militare si annidavano quelli problematici, riottosi o anche tormentatori di compagni.Molti al momento della congedo se ne retsavano in caserma a scontare i giorni di CPR.
2017-05-14 10:01:59
Ka(r)gnetta alias enricuzzo 'o pensionat
2017-05-14 07:17:49
come dice la canzone; mi so alpin me piaxe el vin
2017-05-13 22:26:35
Chi si deve vergognare di brutto sono le ferrovie dello stato..servizio pietoso treni insufficienti e sporchi..come sempre ...per tutti gli altri che criticano gli ALPINI invece..cominciate a fare metĂ  di quello che fanno loro durante TUTTO l'anno.
2017-05-13 20:34:12
Ogni anno risulta piu' effimero il legame che lega queste persone...La prima adunata cui mio padre mi condusse fu quella di Cortina: ma erano tutti reduci, sopravvisuti a tragedie immani e protagonisti di gesta epiche, come i loro padri. Oggi i reduci sono scomparsi, gli alpini viventi hanno in comune un banale servizio militare senza infamia ne' lode, come tutti noi: l'A.N.A. dovrebbe finalmente prenderne atto, per sfuggire al sospetto che ormai l'adunata sia solo di una questione di soldi.