Mercoledì 19 Ottobre 2016, 20:24

Sgarbi: «Ecco la mia Babele
dai grandi veneti all'Islam»

PER APPROFONDIRE: babele, padova, vittorio sgarbi
Sgarbi: «Ecco la mia Babele  dai grandi veneti all'Islam»

di Sergio Frigo

Chi lo conosce sa che, nel bene o nel male, la Babele è l’elemento naturale di Vittorio Sgarbi. Tanto più se è lui stesso a crearla, come nel festival in corso in questi giorni a Padova. «Non volevo una rassegna di libri e di autori che si parlano addosso, come negli altri festival - spiega il critico - ma di idee e di valori, di principi che si confrontano. Tra l’altro è quanto ho sempre fatto quando ero sindaco o assessore». Quali sono le direttrici della rassegna? «Siamo nel...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sgarbi: «Ecco la mia Babele
dai grandi veneti all'Islam»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2016-10-20 02:05:50
Per capire l’euganea Pava (Padova), bisogna non prescindere dalla distruzione della città e del suo territorio a partire dal Quattrocento: dei suoi imponenti castelli, la sua Reggia, compreso l’incendio del Salone contenente le opere di Giotto e tutto l’immenso archivio storico-legale della città, descritto dal nodaro Polenton. Il drammatico disagio economico e culturale che porta all’annientamento dei possedimenti territoriali , del parlar pavano e della sua cultura. Un Cinquecento ancor più torbido, dipinto proprio dal Zorzon (Giorgione) nell’opera “Tempesta su Pava”: cruda evidenza della sottomissione vissuta malamente, un vero grido nel silenzio di denuncia del colonialismo subìto. Ancor più chiaro, duro ed esplicito, il Ruzzante, nella piece teatrale “Secondo dialogo”. Troviamo un servo della gleba euganeo (Bilora, che in pavano significava faina), abitante dei casoni fatti di fango legno e paglia (dove imperavano pelagra, peste, ecc.), che si reca a Venezia ad accoppare il latifondista del dogado veneto/venessian, Andronico, che gli ha rapito la moglie Dina (metafora dell’identità perduta). In quest’opera viene squadernato lo scontro radicale tra i due registri linguistici, da una parte il pavano-euganeo che subisce la repressione e il venessian del dogado che domina: due mondi inconciliabili.
2016-10-20 07:22:38
Chiedo al Gazzettino di indagare e fornire i dati sui costi di questa nuova manifestazione confrontandoli con la Fiera delle Parole dell'anno scorso. Grazie
2016-10-20 09:48:37
Forza Sgarbi!...
2016-10-20 12:01:46
il solito fissato sull’euganea (inesistente)