Il ministro Calenda: «Io dico sì, in questa riforma più peso alle Regioni»

PER APPROFONDIRE: calenda, intervista, referendum, voto
Il ministro Calenda

di Alvise Fontanella

Ministro Calenda, anche Prodi alla fine vota sì. Ma lo fa parlando di riforma costituzionale senza profondità né chiarezza, che vota perché "meglio ciucciare un osso che un bastone", non proprio un complimento. Dobbiamo contentarci di quest'osso? «Io non sono un costituzionalista, però se la vedo sulle mie attività di governo, sia dal lato di razionalizzazione dei rapporti con le regioni sia dal punto di vista della formazione delle leggi, la riforma funziona».

E le sembra un passo avanti anche il passo indietro sull'autonomia delle Regioni? «Si dà più peso alle Regioni nella formazione politica delle decisioni, le fa sedere in Senato, partecipare alla nascita stessa delle leggi(...)»...

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Dicembre 2016, 08:59






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il ministro Calenda: «Io dico sì, in questa riforma più peso alle Regioni»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2016-12-02 10:34:32
Se mai avessi avuto qualche dubbio sul votare NO, con la notizia dell'orientamento di voto di prodi (volutamente con l'iniziale minuscola)voterò NO con assoluta certezza e convinzione! VOTATE NO...VOTATE NO...VOTATE NO...
2016-12-02 11:08:28
Se i senatori devono essere scelti fra Regione e Sindaci,siamo sempre succubi dei partiti. I senatori devono essere un collegio giuridico per valutare se le proposte di legge sono attuabili o no sia in base alla costituzione che sotto,ogni altro aspetto. Col voto SI va alla malora la democrazia,quindi con voto NO popi occorre serieta' e onesta' dei singoli e fuori chi della politica ha fatto la sua vita altrimenti non esidte democrazia. VOTIAMO NO,NO, NOOOOOOOOOO e una buona volta non prendeteci per i fondelli...siamo stufi fin troppo...tasse e tasse,ditte che chiudono,disoccupati che crescono...non se ne può più.
2016-12-02 13:47:18
Meno male che domenica prossima siamo al capolinea, e quindi finirò di sentire tante ripetute fregnacce atte a convincere l'elettore di votare in un certo modo. Piuttosto che ragionare su cosa effettivamente implicheranno i cambiamenti proposti, si preferisce fomentare spauracchi e tirare in ballo qualunque cosa non va bene in Italia, allo scopo di sottintendere che un si od un no influirebbe anche su queste. Alle prime luci dell'alba di lunedi gli italiani avranno avuto il risultato che si saranno scelti, e quindi si sono meritati. Speriamo bene.
2016-12-02 14:59:55
Un'altra persona dell'APPARATO, sulla testa della volota' popolare.
2016-12-02 16:08:10
Se passa questa pessima riforma, le regioni a statuto speciale (sicilia compresa) manterranno i loro privilegi, mentre le altre perderanno gran parte di quel poco potere che hanno. Quanto al senato... sara' dominato per sempre dalla sinistra, che e' centralista, come dimostra proprio questa pessima riforma.