Immigrati, il Procuratore Nordio:
«Referendum sui nuovi ingressi»

di Carlo Nordio

VENEZIA - Dopo aver proposto di proibire burqa e niqab per garantire la riconoscibilità dei cittadini di fede islamica, ora il Procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio in un editoriale sul Gazzettino torna sul tema del rapporto tra sicurezza e immigrazione in relazione ai fatti di Colonia, sollecitando di sottoporre «al vaglio della volontà popolare» il rischio che l'Europa, con una accoglienza indiscriminata, «diventi diversa da quella che è».

Che ne pensate? Votate il sondaggio

Nordio sottolinea che il referendum sui nuovi ingressi dovrebbe «spiegare bene ai cittadini gli effetti culturali, economici, religiosi di una trasformazione» che può cambiare l'identità nazionale, facendo di questa parte del mondo «un'appendice afroasiatica». Il governo, dunque, nell'argomentazione del Procuratore aggiunto, «dovrebbe indicare il limite quantitativo oltre il quale l'identità nazionale sarebbe snaturata. In altre parole - si chiede - quanti ne possiamo prendere? Centomila, un milione? O di più?». Questa, per Nordio, «è la domanda drammatica alla quale, prima o poi, si dovrà rispondere. Ma per ora non ci si pensa». La chiusura delle frontiere «di Paesi tradizionalmente tolleranti e "civili", come Danimarca e Svezia - rileva - non è altro che il frutto dell'inavvedutezza critica dei governi, e della stessa Unione»...

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Gennaio 2016, 14:09





Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Immigrati, il Procuratore Nordio:
«Referendum sui nuovi ingressi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 34 commenti presenti
2016-01-08 14:20:11
qui si pone un importante quesito di ordine identitario e sociale,cioè sul tipo di società che di desidera costruire, ma si 'dimentica' per quanto riguarda il nostro paese i QUATTRO MILIONI di disoccupati punto di partenza legato al buon senso ed alla giustizia naturale prima di accogliere centinaia di migliaia di giovani uomini stranieri ai quali ormai sarà praticamente impossibile offrire dei posti di lavoro veri.
2016-01-08 14:31:24
quanto gli piace andare sui giornali al procuratore Nordio...
2016-01-08 14:48:41
Mi è bastato il titolo dell'articolo per dire che il referendum si doveva fare prima e non dopo, quando in Italia non c'è più posto neanche per gli italiani.-
2016-01-08 15:08:26
Piu' che d'accordo!!!
2016-01-08 15:12:17
Sarà come dice Lei, ma ciò non toglie che il quesito abbia ragione di essere.