Venerdì 19 Maggio 2017, 22:04

Banche Venete, la Ue vuole 1 miliardo dai privati e 3,7 dallo Stato

Margrethe Vestage
ROMA - Il crinale sul quale cammina il destino delle banche (italiane in generale, venete in particolare) si sta assottigliando sempre di più sotto i colpi dell’Unione Europea. L’ultimo ostacolo l’ha posto il Commissario alla Concorrenza, Margrethe Vestager e la DG Comp che ora per dare il via libera alla ricapitalizzazione precauzionale da 6,4 miliardi di Popolare Vicenza e Veneto Banca, vuole che un ulteriore miliardo (rispetto ai previsti 940 milioni dell’anticipo versato da Atlante e ai 700 milioni derivanti...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Banche Venete, la Ue vuole 1 miliardo dai privati e 3,7 dallo Stato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-05-23 17:44:29
ormai sono banche-zombie
2017-05-21 14:40:09
1 miliardo dai privati e 3,7 dallo stato , lo stato da chi li prende , dai privati paganti tasse ed il cerchio si chiude .E' tutta una presa in giro perché poi c'è da chiedere : i soldi che la UE prenderà poi dove finiscono , è facile immaginarlo !
2017-05-20 14:04:33
Seee ho letto solo il titolo, tuttavia di quanto avete bisogno? Pronti qua, zoninnnn molla il bicchiere e chiedi.....te li do io, taccagnaccio!
2017-05-20 09:11:35
certi titoli sono indecenza....
2017-05-20 08:42:54
Chi legge solo il titolo dell'articolo (la maggior parte dei lettori...) puo' pensare che la cattiva Europa ce l'ha con le due banche venete. E' vero invece il contrario: le Istituzioni europee, non solo la Commissario, ha certificato che le due banche hanno i requisiti patrimoniali per sostenere i loro bilanci, poter andare avanti nel piano industriale e poter accedere alla ricapitalizzazione precauzionale. La Bce ha calcolato il fabbisogno di capitale che le due banche dovranno raccogliere: appunto 6,4 miliardi di euro, non 5, ed ha aperto la strada al passo successivo, cioè al via libera dell'Antitrust europeo (cosa per nulla scontata) sull'utilizzo degli aiuti di Stato, che vista l'entità dell'ammanco entrerà a questo punto in maggioranza. Quindi inusuale procedura, fatta non perche' i nostri Ministri siano bravi o simpatici, ma forse solo per evitare guai peggiori all'Italia, ma anche a qualche partner estero...